hamburger menu

L’ex sindaco Alemanno in piazza con i tir di Partitalia contro il caro carburante

Manifestazione a Roma davanti alla sede di Esso Italia

14-03-2022 13:53
PARTITALIA
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – “Questa mattina l’associazione di partite Iva Partitalia ha manifestato a Roma davanti alla sede di Esso Italia per protestare contro il caro carburanti, nell’ambito della giornata di agitazione degli Autotrasportatori. Un gruppo di Tir guidati da appartenenti a Partitalia hanno pacificamente circondato la sede legale della multinazionale a viale Castello della Magliana, sfilando sulla carrabile nei limiti consentiti dal codice stradale ed esibendo striscioni con lo slogan ‘Basta speculazioni sul carburante’.

In questo modo Partitalia ha voluto non solo testimoniare la propria vicinanza alle imprese e ai lavoratori dell’autotrasporto, ma richiedere con forza un intervento contro ogni forma di speculazione e di aggiotaggio sul carburante in un momento di emergenza come l’attuale. Per sconfiggere queste distorsioni del mercato ci vuole un impegno congiunto del Governo e delle Compagnie petrolifere come la Esso”. È quanto si legge in una nota dell’ex sindaco di Roma, Gianni Alemanno.

È necessario che il Governo azzeri immediatamente le accise sui carburanti necessari alle attività produttive, utilizzando l’extra-gettito che viene dall’Iva applicata ai carburanti- ha dichiarato l’ex sindaco di Roma, presente alla manifestazione insieme a Michel Fabrizio, l’ex campione di motociclismo oggi dirigente nazionale di Partitalia- Ma questo non basta: l’Agenzia delle Dogane deve fare un immediato controllo su tutti i depositi delle compagnie petrolifere e su tutti i contratti di acquisto del greggio, per stabilire quale rapporto reale ci sia tra gli aumenti alla pompa e quelli sul mercato internazionale influenzato dalla guerra in Ucraina”.

“Il ministro Cingolani- ha aggiunto- ha parlato di ‘una truffa colossale’ e il Corriere della Sera dice che le società di raffinazione o importazione hanno fatto ‘esplodere’ le commissioni di intermediazione dal 5% all’11% o addirittura al 19,7% del costo del prodotto di base, ma cosa si fa in concreto per colpire queste speculazioni e queste ipotesi di aggiotaggio? Quando Cingolani ci dirà quali sono le responsabilità delle compagnie petrolifere nei rincari del carburante? Di fronte a questi silenzi e questa inerzia non può non esplodere la protesta dei cittadini, delle imprese e dei lavoratori e bene ha fatto Partitalia a manifestare davanti alla sede di una delle più importi compagnie petrolifere”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-03-14T13:53:58+02:00