Vaccino, Di Maio: “Acceleriamo, da aprile 500mila somministrazioni al giorno”

luigi di maio
"Ci siamo dovuti scontrare con le case farmaceutiche che in alcuni casi non hanno rispettato i contratti, ma ci siamo fatti sentire alzando la voce e bloccando l’export dei vaccini all’estero"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Acceleriamo subito con il piano di vaccinazione per riuscire a mettere in sicurezza tutti gli italiani che vorranno vaccinarsi. Ci siamo dovuti scontrare con le case farmaceutiche che in alcuni casi non hanno rispettato i contratti, ma ci siamo fatti sentire alzando la voce e bloccando l’export dei vaccini all’estero. Adesso parliamo con una voce unica a livello europeo”. Cosi’ il ministro degli esteri Luigi Di Maio.

“Ad aprile in Italia – aggiunge- entreremo in una nuova fase e riusciremo a fare 500mila somministrazioni al giorno grazie anche al coinvolgimento dell’Esercito, dei Carabinieri, della Polizia e dei Vigili del Fuoco che agiranno in maniera sinergica con Protezione Civile, regioni e comuni. Questo ci permetterà di avere a settembre l’80% di persone immunizzate.
Dopo mesi di sacrifici e sofferenze, finalmente la luce in fondo al tunnel si farà sempre più nitida. Lo so, non è facile. È stato chiesto ai cittadini di stringere i denti per qualche altra settimana. È doveroso farlo per fermare la terza ondata covid causata dalle nuove varianti, ma tra pochi giorni arriveranno gli aiuti economici (un decreto da oltre 30 miliardi) per chi sta subendo gli effetti della crisi. Non molliamo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»