Nella notte altra ‘fuga’ dal Nord verso il Sud, la rabbia di Emiliano

Il governatore della puglia è furioso: "Così arrivano migliaia di possibilità di contagio in più, ci state portando tanti altri focolai che avremmo potuto evitare"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

 ROMA – “Di nuovo ondate di pugliesi che tornano in Puglia dal Nord. E con loro arrivano migliaia di possibilità di contagio in più”. È lo sfogo affidato ai social nel cuore della notte scorsa dal presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano commentando l’ennesimo rientro dalla Lombardia verso il Sud, su treni presi d’assalto dai passeggeri. Ieri sera tanta gente in stazione a Milano e treni in partenza affollati: i convogli più pieni sono stati il Milano-Siracusa-Palermo delle 20.10 e, ancora di più, il Milano-Lecce delle 20.50.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Emiliano: “In Puglia rientrate più di 9.000 persone”

“Avrete probabilmente esibito ai soldati alla stazioni le vostre legittime autocertificazioni sulla motivazione del vostro ritorno, spero che abbiate le mascherine e che teniate la distanza di un metro l’uno dall’altro in treno. Fatto sta che ci state portando tanti altri focolai di contagio che avremmo potuto evitare“, evidenzia il presidente della Regione sottolineando che “in pochi giorni migliaia e migliaia di persone hanno fatto rientro in Puglia aggravando la nostra già drammatica situazione”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Iss: “Ci aspettiamo aumento contagi, nel weekend troppi errori tra mare e sci”

Ancora, “vi ricordo- continua Emiliano- che appena arrivate dovete richiudervi in casa e che dovete stare lontani da genitori, fratelli, nipoti, amici, nonni e malati che rischiano di morire se contagiati. Dovrete rimanere in casa almeno per altri 14 giorni e comunque per tutto il tempo di durata del decreto del Presidente del Consiglio”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

14 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»