Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Presentata al Mibact la Carta nazionale del paesaggio

Obiettivo: offrire la massima tutela della bellezza del territorio italiano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Per sostenere l’inesauribile riserva di bellezza che offre il nostro Paese, in occasione della seconda Giornata nazionale del Paesaggio il Mibact ha presentato il progetto della Carta nazionale del paesaggio. La presentazione e’ stata ospitata dalla splendida sala Spadolini in via del Collegio Romano.
La sottosegretaria di Stato del Mibact, Ilaria Borletti Buitoni, ha aperto la conferenza stampa: “Ringrazio grandi organizzazioni e piccoli comitati che hanno partecipato alla tutela del nostro paesaggio. La strada da seguire in Italia sul modello di alcuni paesi stranieri, deve essere aperta quanto piu’ possibile alla valorizzazione del nostro straordinario patrimonio culturale”. Fine della Carta Nazionale del paesaggio e’ l’applicazione di una strategia che promuova, tuteli e valorizzi i nostri paesaggi, che sono parte integrante del patrimonio artistico e culturale della Nazione.
Per ottenere lo scopo sono stati delineate tre linee guida:

1) Promuovere nuove strategie per governare la complessita’ del paesaggio.
2) Promuovere l’educazione e la formazione alla cultura e alla conoscenza del paesaggio.
3) Tutelare e valorizzare il paesaggio come strumento di coesione, legalita’, sviluppo sostenibile e benessere – anche economico.
La Carta Nazionale si propone quindi di offrire la massima tutela nei confronti della bellezza del nostro territorio, ma senza impedire opere di sviluppo che siano realmente necessarie alla comunita’. L’architetto Roberto Banchini, dirigente della Tutela del Paesaggio ha specificato che “integrare il paesaggio con certe politiche non significa scioglierlo dalle altre politiche” e aggiunge “trovo molto significativo aver definito il piano paesaggistico come una Costituzione del territorio: uno strumento principe, ma anche uno strumento di tutti”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»