United Airlines, morto cucciolo di cane costretto a viaggiare in una cappelliera

La compagnia aerea: “E’ stato un tragico incidente"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un cucciolo di bulldog francese di 10 mesi è morto su un volo della United Airlines, che volava da Houston verso New York, dopo che i proprietari sono stati costretti dall’equipaggio a fare viaggiare il cagnolino all’interno della cappelliera. “E’ stato un tragico incidente che non sarebbe mai dovuto accadere; gli animali non dovrebbero mai essere collocati nelle cappelliere. Ci assumiamo la piena responsabilità di questa tragedia“, ha dichiarato la compagnia aerea. L’assistente di volo di cui non sono note le generalità sarebbe sotto indagine.

Sotto shock i passeggeri tra cui la signora Maggie Gremminger che su Twitter ha raccontato cosa è accaduto sul volo, invitando i media a diffondere la notizia affinché fatti del genere non si verifichino mai più.

I want to help this woman and her daughter. They lost their dog because of an @united flight attendant. My heart is broken. pic.twitter.com/mjXYAhxsAq

— MaggieGremminger (@MaggieGrem) 13 marzo 2018

pic.twitter.com/ubK99l7Pd1

— MaggieGremminger (@MaggieGrem) 14 marzo 2018

La compagnia aerea subisce così un nuovo colpo alla sua reputazione. United, infatti, era già stata travolta dalle critiche lo scorso anno per il video shock che riprendeva un passeggero sbarcato a forza e trascinato via come un sacco di patate da uno dei suoi aerei a Chicago. L’uomo, un medico che doveva essere al lavoro il giorno dopo, venne costretto a scendere dal velivolo a causa di un overbooking.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»