Definì de Magistris’ farabutto’, rischia processo l’ex deputato Pittelli

E' accusato di diffamazione a mezzo stampa: l'udienza preliminare sarà il 29 maggio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Richiesta di rinvio a giudizio, con l’accusa di diffamazione a mezzo stampa, per l’ex parlamentare di Forza Italia Giancarlo Pittelli, avvocato penalista ed ex coordinatore di Forza Italia in Calabria. Lo hanno stabilito i giudici del tribunale di Reggio Calabria. Pittelli, in un articolo apparso il 5 novembre del 2015 sulla testata web Il Dispaccio, aveva definito il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, un “farabutto”.

Nell’articolo l’avvocato sosteneva che, da Pm, l’attuale primo cittadino di Napoli, lo avrebbe coinvolto nell’inchiesta Why Not “per evidenti ed accertati scopi di vendetta”. Per il pubblico ministero di Reggio Calabria, Angelo Gagliotti, queste sono offese “alla reputazione, l’onore e il decoro” di Luigi de Magistris.

L’udienza preliminare, fa sapere alla Dire Elena Lepre, difensore di de Magistris, sarà celebrata il prossimo 29 maggio al tribunale di Reggio Calabria. L’avvocato Pittelli era stato coinvolto nelle inchieste Why Not e Poseidone, entrambe portate avanti da de Magistris, all’epoca sostituto procuratore di Catanzaro. Pittelli è stato assoluto dall’accusa di corruzione nell’ambito di un processo partito dopo che le due inchieste furono sottratte all’ex Pm.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»