Colombia, via libera a Tribunale speciale per la verità

Arrivano i tribunali speciali integrati nella Corte speciale per la pace (Pec) che dovranno punire le violazioni dei diritti umani
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il Senato colombiano ha approvato il Sistema integrale di verità, giustizia, riparazione e non ripetizione (Sivjrnr). Si tratta dei tribunali speciali integrati nella Corte speciale per la pace (Pec) che saranno chiamati a indagare, perseguire, giudicare e punire le gravi violazioni dei diritti umani e di diritto internazionale umanitario nel contesto dell’accordo di pace tra governo e Farc. Il compito di questo tribunale, che ha come interesse la tutela delle vittime del conflitto armato, è quello di soddisfare e proteggere i loro diritti davanti alla giustizia, fornire la verità alla società colombiana, ricercare persone scomparse e riparare ai danni portati alle comunità e ai territori.

Nell’ambito dei poteri del tribunale sono stati approvati anche i passaggi relativi al momento strettamente legato alla consegna delle armi da parte dei guerriglieri alle autorità delle Nazioni unite. Infine, su suggerimento dell’ufficio del procuratore generale, viene determinata la legge che regola il trattamento penale differente per chi decide di eliminare volontariamente le coltivazioni illecite di coca, che passa di fatto l’indagine e l’eventuale perseguimento dei crimini di conservazione e di finanziamento piantagione a un giudice ordinario.

di Silvio Mellara, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»