Al parco dei Colli Euganei arrivano i rinforzi anti-cinghiali

Il proliferare degli ungulati sta mettendo seriamente a rischio le pregiate coltivazioni agricole
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – Il Parco Regionale dei Colli Euganei assumerà 11 operai forestali a tempo determinato per realizzare “lavori di manutenzione naturalistica e, soprattutto, per far fronte ai gravi problemi causati dalla presenza di cinghiali nel territorio”. Lo ha deliberato la Giunta regionale su proposta dell’assessore ai Parchi e alle Aree protette Cristiano Corazzari. “Abbiamo risposto a un’esigenza espressa dall’Ente parco”, commenta l’assessore, ricordando che “come è noto il proliferare di ungulati sta mettendo seriamente a rischio le pregiate coltivazioni agricole di quest’area, creando condizioni di pericolosità anche per gli stessi residenti”.

Gli 11 nuovi dipendenti permetteranno quindi “di contrastare la loro proliferazione e di attuare più efficacemente un piano di contenimento di questi animali“. L’attività di eradicazione, inoltre, sarà coadiuvata da circa 70 selecontrollori, di cui 25 appena abilitati in seguito al corso di formazione da poco conclusosi, precisa la nota stampa della Giunta, evidenziando che “è allo studio un nuovo regolamento e protocollo operativo che, in attuazione anche delle direttive comunitarie, consentirà una semplificazione delle attività di eradicazione e un loro utilizzo costante e continuo durante l’intero anno solare”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»