Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Caporalato, Minniti: “Lotta senza quartiere contro sfruttamento. Stop Rignano, cancelleremo i ghetti”

"Cancelleremo i ghetti dei lavoratori sfruttati", è la promessa del ministro dell'Interno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La legge contro il caporalato è stato un passaggio straordinario in avanti. Domani ci vedremo con il ministro Martina per fare il punto della situazione, ma dobbiamo dire con grande chiarezza che, anche in applicazione con la legge, siamo impegnati in una lotta senza quartiere contro lo sfruttamento. E in quest’ottica va vista la chiusura di Rignano“. Così il ministro dell’Interno, Marco Minniti, intervenendo al Rapporto Agromafie 2017 di Coldiretti-Eurispes.

Un Paese civile non può permettersi ghetti– dice ancora Minniti-. Per quanto mi riguarda la questione di Rignano è l’inizio di un’iniziativa che porterà il nostro Paese a cancellare i ghetti dei lavoratori sfruttati“.

MARTINA: LEGGE DA’ PRIMI RISULTATI, GIGANTESCO PASSO AVANTI

La legge sul caporalato ha rappresentato “un gigantesco passo in avanti, fondamentale per l’agricoltura italiana e a difesa delle tante imprese agricole che operano nella legalità. Mi sembra che questa legge stia iniziando a dare segnali giusti. Nelle ultime settimane alcuni fenomeni sono stati sradicati in maniera più forte che nel passato, non solo nel Mezzogiorno”. Così Maurizio Martina, ministro delle delle Politiche agricole alimentari e forestali, oggi a margine della presentazione del Rapporto Agromafie 2017 di Coldiretti-Eurispes. “Domani- aggiunge Martina- vedrò il ministro Minniti per fare un punto della situazione sul protocollo che firmammo mesi fa, proprio col ministero dell’Interno. E’ fondamentale lavorare in quelle province ritenute prioritarie per i piani di accoglienza”. Sempre prossimamente sarà presentato “il progetto della Banca nazionale della Terra, che ci consentirà di fare un bel lavoro, specialmente sulle terre in disuso”, termina il ministro.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»