Corte Ue: “Le aziende possono vietare il velo in ufficio”

La sentenza è arrivata sul caso di Samira Achbita, receptionist licenziata nel 2006 dalla società belga G4S
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Proprietari e imprenditori privati possono vietare ai dipendenti di “indossare qualsiasi simbolo visibile di tipo politico, filosofico o religioso”: lo ha stabilito oggi la Corte di giustizia europea, chiamata a esprimersi sul caso di una donna musulmana licenziata perché portava il velo in ufficio.

Secondo il tribunale, che ha sede a Lussemburgo, il divieto deve essere fondato non sul desiderio o l’arbitrio di un cliente ma su regole interne della società o dell’impresa che impongano di “vestirsi in modo neutrale”. Il caso all’attenzione dei giudici era quello di Samira Achbita, receptionist licenziata nel 2006 dalla società belga G4S.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»