Voucher e appalti, il referendum sarà il 28 maggio. Camusso: “Sia election day”

Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto per l'indizione dei due referendum popolari
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto per l’indizione dei referendum popolari relativi alla ‘abrogazione di disposizioni limitative della responsabilità solidale in materia di appalti’ e alla ‘abrogazione di disposizioni sul lavoro accessorio (voucher)’. Le consultazioni referendarie si svolgeranno domenica 28 maggio 2017.

CAMUSSO: “PRONTI A SFIDA, ELECTION DAY SAREBBE SCELTA OCULATA”

“Il primo commento è avanti con la campagna elettorale, ci prepariamo a questa sfida”. Così la leader della Cgil, Susanna Camusso, commenta, a margine di un convegno all’Istituto Sturzo, la decisione del Consiglio dei Ministri di fissare la data dei referendum al 28 maggio. “Abbiamo proposto l’election day e rinnoviamo questa richiesta perché ci immaginiamo le polemiche sui costi. La stessa data scelta dal governo- prosegue- dimostra che sarebbe possibile fare coincidere i referendum con le amministrative”. Una richiesta, precisa Camusso, non dovuta alla “preoccupazione del quorum visto che i Comuni chiamato al voto non sono tantissimi. Sarebbe una scelta oculata di risparmio di finanza pubblica“, conclude Camusso.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»