‘Statt senza pensier’, Gomorra torna il 10 maggio

Il clan Savastano ritorna ma non è più reggente. La guerra ha inizio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

gomorra-la-serie-2ROMA – Torna, l’attesa per la seconda stagione di Gomorra è finita. Dodici nuovi appuntamenti a partire dal prossimo 10 maggio 2016 per quella che è diventata la serie cult di Sky. La più vista di sempre ma, anche, la più venduta all’estero. Sono 130 i Paesi , tra questi gli Stati Uniti, che hanno di fatto comprato e trasmesso Gomorra, ovunque è stato un successo di pubblico e di critica. Una serie tutta italiana che, una volta tanto, è riuscita a mietere successi che, soprattutto nel poliziesco, sono tributati alle serie americane.

Gomorra torna quindi martedì 10 maggio su Sky Atlantic HD mentre la prima stagione risulta essere la più scaricata su Sky Box Sets, il nuovo catalogo on demand più completo per qualità e varietà di serie televisive in Italia. I 12 nuovi episodi portano, alla regia, la firma di Stefano Sollima,Francesca Comencini, Claudio Cupellini e la new entry Claudio Giovannesi. I protagonisti c i sono tutti, Marco D’Amore, Fortunato Cerlino, Salvatore Esposito, Marco Palvetti. Con loro i nuovi interpreti come Cristiana Dell’Anna e Cristina Donadio ma anche i volti di persone comuni e del posto che si sono prestati alle vicende del clan Savastano sul palcoscenico della periferia dimenticata di Napoli.

Si riparte con Pietro Savastano che è evaso dal furgone penitenziario, i ragazzi di Genny sono caduti nell’imboscata di Conte e Ciro ha sparato a Genny. L’era del clan Savastano, che un tempo regnava incontrastato su Napoli, sembra irrimediabilmente finita. Quello che si apre ora è il più grande vuoto di potere mai esistito nella storia della Camorra. La produzione televisiva – girata con tecniche molto cinematografiche -, nasce da un’idea di Roberto Saviano. Gomorra – La serie è prodotta da Sky Atlantic, Cattleya e Fandango in associazione con Beta Film, la supervisione artistica è di Stefano Sollima.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»