Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Riforma piccoli ospedali, protesta a Urbino

URBINO - Una ventina di persone, in rappresentanza dei comitati sparsi per la provincia, ha manifestato questa mattina
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

URBINO – Una ventina di persone, in rappresentanza dei comitati sparsi per la provincia, ha manifestato questa mattina a Urbino sotto la sede della Conferenza dei sindaci dell’Area Vasta. Il sindaco del capoluogo ducale Maurizio Gambini ha infatti convocato un’assemblea per fare il punto sulla riforma dei piccoli ospedali, sull’ospedale Marche Nord e sul nosocomio di rete di Urbino. I manifestanti protestano in particolare contro la riorganizzazione dei piccoli ospedali delle aree interne che dal primo gennaio 2017, salvo deroghe, si trasformeranno in ospedali di comunità. Senza posti letto di lungodegenza e Punto di Primo Intervento.

Urbino protesta Area Vasta

A rendere ancora più incandescente l’atmosfera il “caso” dell’ospedale di Pergola dove sabato notte l’ambulanza ha affrontato il servizio notturno (20-8) senza medico del 118 a bordo e con un solo medico per i tre reparti della struttura ed il Ppi. Per chiarire la questione il direttore generale Asur (azienda sanitaria regionale) Alessandro Marino oggi pomeriggio alle 15.30 terrà una conferenza stampa nella sede provinciale dell’Area Vasta 1 a Fano.

di Luca Fabbri, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»