Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ex Ilva, Bonelli:”Offensive le parole di Salvini sul ponte sullo Stretto”

matteo salvini
Il coordinatore dei Verdi: "Ci preoccupa che al Mise ci sia la proprio la Lega"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA- “L’ultima boutade di Salvini riguarda l’Ilva: secondo lui, si può salvare facendogli produrre l’acciaio per costruire il ponte sullo Stretto di Messina. Crediamo che queste dichiarazioni del leader della Lega siano, non solo inaccettabili, ma offensive nei confronti del dolore delle cittadine e dei cittadini di Taranto che hanno pagato un prezzo altissimo in termini dei malati e decessi causati dallo stabilimento siderurgico”. Così il coordinatore nazionale dei Verdi Angelo Bonelli, che prosegue: “Senza le indagini della magistratura non sarebbe stato individuato il gravissimo inquinamento da diossina che ha provocato in questi anni malattie e vittime. Tra l’altro, si continua a parlare del Ponte sullo Stretto, un’opera assolutamente inutile mentre, soprattutto al sud, servirebbero interventi strutturali quali il potenziamento della rete ferroviaria, il contrasto al dissesto idrogeologico e la risoluzione dell’emergenza acqua potabile. Ma Salvini è esponente di quel partito che, dove governa da anni, come in Lombardia, Veneto e Sardegna, ha consentito l’incremento del consumo di suolo. Per questo, ci preoccupa che al Mise ci sia la proprio la Lega la quale, tra l’altro, continua a negare i cambiamenti climatici”, conclude Bonelli.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»