Lettera di ‘Femminicidio in vita’ a Draghi: “Tutelare le madri”

Il comitato rivolge un appello al neo premier Mario Draghi perché si inizi ad affrontare il tema della "tutela dei minori" nelle separazioni da maltrattanti e abusanti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Come madri per i figli abbiamo combattuto le più grandi battaglie della nostra vita contro violenti e manipolatori, ma oggi l’uomo violento può avere la meglio attraverso un sottile abuso psicologico: la ‘deprivazione materna’. I figli smettono di chiamarti mamma e cominciano a non vederti più. Il passaggio è questo: richiesta di separazione, ‘conflittualità della coppia genitoriale’ studiata a tavolino, perizie orientate ai soli padri chiamate Ctu, e nell’arco di quattro, sei mesi al massimo, i figli vengono collocati a casa del padre violento oppure in casa famiglia. A sentire le madri che ci sono passate è peggio che essere morte perché il dolore è sempre presente e non può essere superato con il tempo. È come una specie di ‘morte vivente’“. È il Comitato Femminicidio in Vita, di cui è presidente Imma Cusmai, a rivolgere un appello al neo premier Mario Draghi perché si inizi ad affrontare il tema della “tutela dei minori” nelle separazioni da maltrattanti e abusanti.

Non tutti conoscono la tragedia che l’accusa di Pas, Sindrome di Alienazione Parentale, può creare, usata in particolare dagli uomini nelle controversie per l’affidamento negli Stati Uniti e in Australia. Il nostro Comitato ha scoperto che ci sono casi in cui chi persegue questa ‘violenza maschile’- spiega ancora l’organizzazione- contro donne e bambini usa una serie di strategie per indebolire deliberatamente il legame madre-figlio. Con la PAS è sempre colpa della madre. La Sindrome da Alienazione Parentale insiste sul fatto che sono principalmente le donne ad alienare i loro figli dai loro padri, mentre tacciono sui tentativi dei padri di ‘alienare’ i bambini dalle loro madri. Il termine ‘alienazione materna’ lo utilizza la lobby dei padri separati e lo hanno creato, in parte, come furbo alibi per ottenere per la custodia dei figli e uscirne puliti. Non si parla più dei diritti dei figli, ma dei diritti degli uomini violenti che si nascondono dietro ai diritti sacri dei figli”. Continua il Comitato: “L’autore degli abusi usa sia messaggi verbali che azioni concrete per mettere la madre in una posizione per cui anche i figli la possono odiare e disprezzare, e persino rifiutarsi di vederla. Questi messaggi non serve siano basati su verità – il loro potere poggia sulla relazione di potere in cui sono trasmessi. Si tratta di propaganda che opera con forza sui bambini che li inganna fino a pensare che il problema sia solo la mamma. Questi attacchi al senso di realtà dei bambini hanno conseguenze sulla loro salute mentale. In questa campagna contro la madre, l’abusante manipola e instilla nelle sue vittime umilianti stereotipi di donne e di madri. I bambini, stimolati a imitare il comportamento abusivo del loro padre, è probabile che formino futuri rapporti sulla base di questi stereotipi di genere, per cui gli uomini sono incoraggiati a usare il potere e la violenza per i propri fini, e le donne sono degradate e ritenute responsabili di tutti i mali. È una realtà che non può essere più taciuta”.

Prosegue la lettera a Draghi: “Poiché gli stereotipi hanno un peso culturale, i membri della stessa famiglia, i membri della comunità e i professionisti adottano con estrema facilità questo scenario surreale senza molta consapevolezza o atteggiamento critico.Il violento diventa il ‘povero uomo’ con cui si simpatizza con facilità, la madre diventa ‘la strega’ da demonizzare. L’odio che sta dilagando contro donne e bambini è un’attività profondamente politica, che sfida le relazioni di potere esistenti tra ‘silenzi e sottomissione’ con processi che subordinano o scontano certi tipi di esperienze o fonti di informazione, ignorando o reinterpretando il contenuto. In poche parole, ciò che è vero viene capovolto e la madre da vittima diventa carnefice. Ci sembra strano- conclude il Comitato- che una fonte di così profondo dolore non sia degna di una parola che identifichi in Parlamento questa terrificante esperienza”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»