Air Italy, in arrivo le lettere di licenziamento. I sindacati: “Non c’è più tempo, la politica intervenga”

"Nonostante la situazione gravissima, ancora non ci è giunta una convocazione urgente dai ministri De Micheli, Patuanelli e Catalfo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Si avvicina il licenziamento collettivo per i 1.450 lavoratori di Air Italy. Lo hanno comunicato questa mattina i commissari liquidatori della compagnia ai dipendenti delle basi di Malpensa e Olbia, in una conferenza telefonica. Dunque nessun passo indietro: la procedura di liquidazione, annunciata tre giorni fa, va avanti e nei prossimi giorni partiranno le lettere di licenziamento.

“I liquidatori hanno illustrato ai dipendenti la possibile evoluzione della procedura di liquidazione-si legge in un comunicato di Air Italy- confermando l’intenzione di adottare tutte le misure possibili di sostegno al reddito, compatibili a norma di legge con la procedura di liquidazione stessa. Verranno prese in considerazione tutte le possibilità di cessione di rami d’azienda, che comprendano il possibile mantenimento di tutti o di parte dei posti di lavoro”.

LEGGI ANCHE: Air Italy, deciso lo stop ai voli. Filt Cgil: “A rischio 1.500 posti di lavoro, ma il governo è assente”

SINDACATI: NON C’È PIÙ TEMPO, LA POLITICA INTERVENGA

“Lo stop delle attività di Air Italy e di Ernest Airlines sono inaccettabili e sono purtroppo solo l’inizio del tracollo. Nonostante la situazione gravissima, ancora non ci è giunta una convocazione urgente dai ministri De Micheli, Patuanelli e Catalfo“. Lo scrivono in una nota congiunta Filt Cgil, Uiltrasporti, Ugl TA.

“Sono mesi che inascoltati stiamo lanciando l’allarme sullo stato di abbandono in cui riversa il trasporto aereo, giunto ormai a un livello di emergenza tale da essere sull’orlo della incontrollabilità. Il trasporto aero è strategico per la mobilità e il turismo in arrivo, rappresenta una percentuale importante di Pil e dà occupazione a decine di migliaia di lavoratori in tutta italia, ma Governo e ministri non sembrano dare la dovuta rilevanza politica a tutto questo. È urgentissima una convocazione interministeriale ai massimi livelli– proseguono i sindacati- e chiediamo che anche il presidente del Consiglio Conte si attivi, visto il silenzio dei suoi ministri”.

Per Filt Cgil, Uiltrasporti, Ugl TA “occorre affrontare subito l’emergenza del settore, dotarlo dei necessari ammortizzatori sociali, trovare soluzioni alle crisi aziendali a partire da Air Italy, Ernest Airlines e Alitalia, regolare il mercato e fare sistema per salvare questa parte rilevante dell’economia italiana. Non c’è più tempo, già dalle prossime settimane molti lavoratori verranno licenziati. La politica svolga il proprio ruolo”, concludono i sindacati.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Ryanair: “Non siamo interessati ad acquisire Air Italy”

ENAC: COMPAGNIA DIA INFORMAZIONI CHIARE AI PASSEGGERI

L’Enac ha chiesto a Air Italy di “fornire ai passeggeri in possesso di biglietti emessi dal vettore, informazioni chiare, puntuali e gratuite sulle procedure da seguire per i rimborsi e le altre tutele previste dal Regolamento Comunitario numero 261 del 2004″. Lo fa sapere l’ente in una nota, riferendosi alle segnalazioni ricevute da alcuni passeggeri, “sia sulle difficoltà ad avere informazioni precise da Air Italy, sia sul costo del numero telefonico messo a disposizione dalla compagnia”.

L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, che informa di “aver già preso contatti direttamente con i liquidatori della società, spiega che “continuerà il monitoraggio su Air Italy al fine di verificare l’adozione di tutte le iniziative a tutela dei diritti dei passeggeri”.

LEGGI ANCHE: “Air Italy, la Regione Sardegna non accetterà i licenziamenti”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

14 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»