Governo, Renzi a Conte: “Che fai, ci cacci?”

Tensione alle stelle nella maggioranza per la riforma della prescrizione, Renzi: "Non indietreggiamo di un millimetro"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Se il Premier vuole cacciarci, faccia pure: è un suo diritto!”, dice Matteo Renzi, su facebook.

LEGGI ANCHE: Prescrizione, approvato lodo Conte Bis in ddl penale. Alta tensione con Iv, Conte: “Sfiducia a Bonafede? Ne trarrei ogni conseguenza”

“E Conte- attacca Renzi- è il massimo esperto nel cambiare maggioranze. Se invece vogliono noi, devono prendersi anche le nostre idee. Alleati, non sudditi. Trovo il tono di Conte sbagliato, ma ai falli da dietro del premier rispondiamo senza commettere falli di reazione. In politica c’è chi guarda i sondaggi e punta alla simpatia e chi guarda i dati ISTAT e punta alla crescita, al PIL, alla fiducia delle imprese. Se hanno pronto un Conte Ter senza di noi, prego, si accomodino. Noi pensiamo all’Italia e teniamo alte le nostre battaglie”.

LEGGI ANCHE: Zingaretti: “Bene Conte, giusto reagire alle fibrillazioni di Italia Viva”

La posizione del Lodo Conte è incostituzionale secondo i principali esperti. Cercheremo di cambiarla in Parlamento- continua il leader di Italia Viva- prima che venga bocciata dalla Corte Costituzionale come già avvenuto in settimana alla Legge Bonafede”.

LEGGI ANCHE: Prescrizione, Bonino: “Il Pd si è grillizzato”

“Questa per noi – aggiunge – è una battaglia culturale. Non molleremo di un solo centimetro. Il Pd ha scelto di seguire i grillini, noi abbiamo scelto di seguire le persone competenti: avvocati, magistrati, esperti della materia. Questo è il mio ultimo post sulla prescrizione. Adesso che la posizione è chiara, parliamo di tasse, di cantieri, di crisi aziendali”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

14 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»