Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Al Teatro Greco di Roma va in scena ‘Sacro e profano’

Appuntamento per il 15 febbraio alle 21 con la compagnia VAD (Visual arts department). Il ricavato della serata sara' devoluto all'associazione culturale La Ventana
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il 15 febbraio alle 21, al Teatro Greco di Roma, la compagnia VAD (Visual arts department) porta in scena ‘Entre Sacro e profano’: “una fusione tra stili di danza diversi, dal flamenco al modern, con la presenza della pittura e della scultura” ha annunciato alla Dire Antonio di Vaio, direttore della compagnia. Tra gli interpreti Vito Bortone, del Teatro Massimo di Palermo; Graciela Dorbessan, soprano e Maria Luisa d’Eboli, pittrice nella cornice del ‘Satiro a riposo di Prassitele’ o della ‘Venere di Cilene’ di Felice Calchi. 

Il ricavato della serata sara’ devoluto all’associazione culturale La Ventana, scuola di danza con storia trentennale, la cui sede e’ andata distrutta nel nubifragio del 31 ottobre scorso. VAD, che con DireDonne ha dato avvio alla stagione degli aperitivi culturali, ha scelto attraverso la danza e la contaminazione di arti e linguaggi diversi lo strumento per arrivare a tutti e portare in scena riflessioni esistenziali su temi classici e d’attualita’. 

Sul palcoscenico del Teatro Greco nell’alchimia di opere d’arte e danzatori si parlera’ di “respiro spirituale, atto creativo, ma anche della fragilita’ dell’eterno” ha concluso Di Vaio.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»