Giornale radio sociale, edizione del 14 febbraio 2020

Giornale radio a cura di http://www.giornaleradiosociale.it/
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

SOCIETA’ – Allarme Clima. In Antartide, mai così caldo. Le temperature hanno raggiunto i 18 gradi. Pur essendo estate in questo momento nell’emisfero australe, il riscaldamento globale del nostro pianeta ci ricorda che i cambiamenti climatici stanno raggiungendo livelli allarmanti e determinando effetti drammatici e potenzialmente catastrofici per l’intero pianeta.

INTERNAZIONALE – Produttori di aria tossica – Ogni anno, l’inquinamento atmosferico da combustibili fossili è la causa di quattro milioni e mezzo di morti premature nel mondo, un dato che supera di oltre tre volte il numero delle vittime degli incidenti stradali. È uno dei risultati di uno studio condotto da Greenpeace, secondo il quale i danni che derivano da petrolio, gas e carbone costano l’equivalente del 3.3% del Pil mondiale. Ascoltiamo Federico Spadini, responsabile della campagna trasporti di Greenpeace. 

ECONOMIA – Una riforma per l’editoria. Alleanza delle Cooperative chiede di approvare un emendamento al Milleproroghe per differire il taglio dei contributi diretti. Secondo il presidente dell’Alleanza, Mauro Lusetti, “prolungare a due anni, e non soltanto a uno, la moratoria sulla riduzione dei fondi sarebbe un tempo realistico e ragionevole per arrivare ad approvare una riforma che intende rilanciare il settore.

DIRITTI – Obbligo di informazione. Dalla fine del 2016, il Freedom of Information Act (Foia) è una legge dello Stato italiano che dà il diritto a chiunque di accedere a dati e documenti posseduti dalle pubbliche amministrazioni. «Grazie alla normativa – spiega Mario Savino, professore di diritto amministrativo e responsabile dell’area giuridica del Centro nazionale di competenza – i cittadini possono verificare la corretta erogazione di servizi importanti, quali l’istruzione e la sanità».

SPORT – Ecco il blind tennis. Domani e domenica a San Lazzaro di Savena il primo torneo nazionale open per persone cieche e ipovedenti. Il servizio di Elena Fiorani
Si aggiungono sempre nuove specialità all’elenco delle attività sportive che possono essere praticate da persone con disabilità. Nel fine settimana in provincia di Bologna debutta con un torneo nazionale il blind tennis: nato in Giappone, si gioca su un campo di dimensioni ridotte, con racchette da bambino e nastri lungo le righe per agevolare il posizionamento tattile. Il regolamento prevede limiti diversi in base alle residue capacità visive dei giocatori. Nel corso del tempo il blind tennis si è diffuso in tutto il mondo, ma solamente in Italia è riconosciuto come sport dal Comitato Paralimpico e la Fondazione per lo Sport Silvia Rinaldi in particolare lo promuove e organizza corsi di avviamento e perfezionamento. Il torneo si aprirà sabato alle 8.30 con incontri suddivisi nelle categorie donne, uomini e misto.

CULTURA –Fatevi avanti. Trento film festival cerca 100 volontari per la sessantottesima edizione. Giovani tra i 18 e i 35 anni avranno l’occasione di fare un’esperienza unica conoscendo il dietro le quinte di una grande manifestazione di cinema e culture di montagna in programma dal 25 aprile al 3 maggio. Per candidarsi le scadenze sono due: il 3 e il 27 marzo. Info su www.trentofestival.it

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

14 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»