Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

In Africa avanzano internet e tv, ma vuoi mettere la radio?

Sondaggio afrobarometro realizzato in otto paesi del continente
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  Bene internet e tv, ma vuoi mettere la radio? A confermarlo un sondaggio pubblicato da Afrobarometro, secondo il quale a sud del Sahara le notizie in “fm” continuano a essere la principale fonte di informazione. Stando alla rilevazione, frutto di una collaborazione panafricana tra istituti di ricerca, è emerso che quasi tre quarti della popolazione ha una radio in casa (74%) mentre meno della metà possiede un televisore (43%). Secondo il sondaggio, le informazioni radiofoniche sono seguite “tutti i giorni” da due terzi della popolazione (63%), una percentuale molto maggiore rispetto a quella di chi si informa dalla tv (35%) o dai giornali (12%).

Afrobarometro evidenzia inoltre che sono più gli uomini rispetto alle donne a utilizzare la radio come fonte di informazione.
I sondaggi sono stati condotti per tutto il 2017 in Malawi, Zambia, Costa d’Avorio, Zimbabwe, Benin, Uganda, Kenya e Mali. La tendenza dei Paesi è molto simile con l’eccezione della Costa d’Avorio, dove i telespettatori sono circa l’8% in più dei radioascoltatori. Il sondaggio, che pure evidenzia l’avanzata di internet, è stato pubblicato questa settimana, in occasione della Giornata mondiale della radio.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»