Vaccini, ora l’Emilia-Romagna studia come mandare in pensione la siringa

Quattro centri universitari stanno portando avanti uno studio che potrebbe rivoluzionare il mercato dei vaccini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Dopo aver fatto da apripista sui vaccini obbligatori a scuola, ora l’Emilia-Romagna prova anche a rivoluzionarne il mercato mandando in soffitta la vecchia siringa. Al suo posto, un semplice dosatore e una polvere in capsula che si può auto-inalare senza difficoltà.

Il progetto di ricerca, cofinanziato dalla Regione attraverso i fondi europei, è portato avanti da quattro centri di alta tecnologia delle Università di Bologna, Modena e Parma in collaborazione con le aziende farmaceutiche Chiesi, Ima e Bormioli, coordinati dal centro Biopharmanet-tec dell’Ateneo di Parma. Il valore complessivo del progetto supera gli 1,6 milioni di euro, di cui 828.000 euro finanziati dai privati, e i primi risultati sono stati presentati oggi nella città ducale.

La ricerca, spiega la Regione in una nota, “potrebbe rivoluzionare il mercato dei vaccini, a cominciare da quello per il Papilloma virus”, sostituendo l’ago, ma anche il rischio di infezioni e lo stesso personale medico, “con un semplice dosatore e una polvere in capsula che si auto-inala facilmente e ovunque”. I ricercatori hanno anche messo a punto “tre nuove formulazioni in polvere per curare malattie degenerative polmonari, la cui diffusione sta aumentando esponenzialmente a causa dell’inquinamento.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»