hamburger menu

Orrore ad Alberobello: ragazzina calcia un gatto in una fontana. È morto congelato

Grey, appartenente a una colonia felina e accudito dalla proprietaria del bar sotto al Comune della città, è deceduto tra atroci sofferenze

Pubblicato:14-01-2024 14:49
Ultimo aggiornamento:14-01-2024 14:58
Canale: Cronaca
Autore:
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Un video girato per goliardia che si è trasformato in tragedia. Ad Alberobello, in provincia di Bari, una ragazzina ha spinto un gatto in una fontana. Forse per vedere il gattino saltare dalla paura, forse per pura stupidità. E quello che doveva essere uno scherzo si è trasformato in un dramma: il gatto, Grey, appartenente a una colonia felina e accudito dalla proprietaria del bar sotto al Comune della città è deceduto tra atroci sofferenze: l’acqua della fontana era ghiacciata ed è morto annegato e assiderato.

Il gatto non stava molto bene e la signora Catia lo accudiva personalmente. Qualche giorno fa ha visto su Instagram queste tragiche foto di questa ragazza, A. G., che ha spinto con un calcio il povero gatto all’interno della vasca dei pesci a fianco al Comune di Alberobello a pochi metri dal suo bar. L‘accaduto è avvenuto di notte in cui le temperature sono molto basse. Il gatto è stato trovato congelato e zuppo“, si legge sui social. La stessa barista, però, ha scritto sulla sua pagina Facebook: “Vi chiedo cortesemente di non sprofondare nell’odio, chi ha commesso il reato ne risponderà personalmente, abbiamo ovviamente denunciato l’accaduto, ma cortesemente saranno le autorità a vedersela. Qualsiasi atto di odio è ingiustificabile, l’atto commesso verrà punito da chi è il responsabile. Vi ringrazio per il supporto, vogliamo solo che queste cose non accadano più, e che chi ha fatto questo gesto, capisca l’enorme sbaglio che ha commesso”.

A trovare il gatto deceduto nella fontana è stata la stessa barista che pensava ad un incidente, ma il video postato sui social non lascia molte interpretazioni: nella didascalia si legge proprio ‘Amò beccati un po’ di notorietà’. I colpevoli del gesto sono stati denunciati.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2024-01-14T14:58:19+01:00