Tg Politico Parlamentare, edizione del 14 gennaio 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

LA CRISI IN PARLAMENTO, PAROLA AI RESPONSABILI

Sono i ‘responsabili’ la forza parlamentare a cui si affida il governo di Giuseppe Conte per risolvere la crisi. Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio li ha ribattezzati ‘costruttori’, citando un’espressione usata dal Capo dello stato Mattarella nel discorso di fine anno. Per Dario Franceschini del Pd non c’e’ niente di male nel cercarne il sostegno alla luce del sole in Parlamento. Potrebbero convergere verso l’esecutivo deputati e senatori centristi, qualche forzista ed anche esponenti di Italia viva che non hanno condiviso l’apertura della crisi da parte di Matteo Renzi. Contro l’ex sindaco di Firenze si e’ scagliato anche il segretario dem Nicola Zingaretti, che l’ha giudicato “inaffidabile in qualsiasi scenario’. Il presidente del consiglio Giuseppe Conte e’ salito intanto al Quirinale per confermare che terra’ l’interim dei dicasteri lasciati scoperti dalle ministre dimissionarie Bellanova e Bonetti.

CENTRODESTRA UNITO: CONTE NELLE AULE

Non c’è più tempo “per tatticismi o giochi di potere”: Giuseppe Conte deve venire in Parlamento “a prendere atto di una crisi conclamata”. Il centrodestra unito continua a negare ogni soccorso all’esecutivo: “La situazione è drammatica- dicono Meloni, Salvini e Tajani- Conte non può far finta di niente”. I tre leader hanno riunito anche Giovanni Toti, Maurizio Lupi e Lorenzo Cesa: “Siamo la prima forza politica del Paese”, ribadiscono. Per loro la strada maestra resta quella delle elezioni, anche se Salvini si dice “pronto” a guidare un governo di centrodestra senza passare dalle urne. Intanto c’è apprensione per Silvio Berlusconi, ricoverato a Monaco “per un problema cardiaco”.

COVID, ECCO IL NUOVO DECRETO

Non sara’ consentito lo spostamento tra regioni fino al 15 febbraio. Lo ha deciso il consiglio dei ministri che questa notte ha dato il via libera al decreto con le nuove misure contro il Covid. Il decreto proroga fino al 5 marzo le limitazioni degli spostamenti nelle aree rosse, arancioni e gialle e introduce una nuova fascia, la bianca, dove i divieti sono ridotti al minimo. Previsto lo stop all’asporto per i bar dopo le 18. In mattinata il governo ha incontrato le regioni alle quali ha illustrato il nuovo piano. Era presente al vertice anche il commissario Domenico Arcuri che ha fatto un punto sulla campagna vaccinale. Da febbraio verrà estesa ad altre categorie della popolazione, dopo gli ospiti delle Rsa e gli operatori sanitari. In primis gli over 80.

CROLLANO I CONSUMI, TRIPLICATO IL RISPARMIO

I redditi precipitano per colpa della pandemia: si registra una contrazione piu’ forte degli ultimi 20 anni, solo in parte contrastata dalle misure anticrisi varate dal governo in questi mesi. Nella prima metà del 2020 i consumi sono crollati, ma allo stesso tempo il risparmio delle famiglie è triplicato rispetto alla fine del 2019. Secondo la Banca d’Italia, dopo un anno di disinvestimenti in titoli pubblici, gli italiani sono tornati a comprare Bot e Btp per oltre 5 miliardi di euro. Brutte notizie per i conti dello Stato: nel primo semestre dell’anno scorso il debito ha segnato un’impennata di 121 miliardi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»