Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Reggio Calabria, Consiglio regionale ospiterà il più grande centro vaccini

consiglio regionale della calabria (1)
Sarà la sala 'Federica Monteleone' di palazzo Campanella ad accogliere l'equipe di medici e sanitari che avrà il compito di somministrarli, secondo le dovute priorità
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – “Il Consiglio regionale della Calabria ospiterà il più grande centro vaccini della città.
Sarà infatti la sala ‘Federica Monteleone’ di palazzo Campanella di Reggio Calabria ad accogliere l’equipe di medici e sanitari che avrà il compito di somministrare, secondo le dovute priorità, i vaccini anti-Covid”. Lo precisa il presidente del Consiglio regionale della Calabria Giovanni Arruzzolo che aggiunge: “La sala, logisticamente e dal punto di vista sanitario, definita adeguata dalla commissione Asp, sarà un punto di riferimento per la comunità reggina, che potrà recarsi nel cuore della città e nel pieno rispetto dei protocolli di sicurezza e prevenzione, per la somministrazione del vaccino”.

“La sfida di questa campagna così importante per noi rappresenta una priorità ed il Consiglio regionale – conclude Arruzzolo – farà la sua parte mettendo a disposizione uno spazio dedicato alle procedure di vaccinazione talmente grande da garantire un flusso di persone abbastanza elevato e in completa sicurezza”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»