Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Fiorella Mannoia torna in tv con ‘La musica che gira intorno’

"Innaturale cantare davanti a una platea vuota, ma dobbiamo accettarlo, la sicurezza prima di tutto. La seconda ondata? Ci ha devastato"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Fiorella Mannoia fa il suo ritorno in tv con un nuovo programma che celebra la musica e il suo valore nella vita di tutti noi. Un doppio appuntamento su Rai 1, tra domani e venerdì il 22 gennaio, in prima serata. “Per me è grande onore, riportare sul palco musica, parole e spettacolo. Sono felice di averlo fatto, ne vado orgogliosa. Se ho un’artista come modello? Quando la prima volta la Rai mi ha affidato il sabato sera, il mio primo pensiero è andato a Mina. Lei era la mattatrice dei sabati sera”, ha detto Mannoia in conferenza stampa riferendosi al 2017, quando condusse su Rai 1 il programma ‘Un, due, tre… Fiorella!’.

Questi due speciali appuntamenti andranno in onda dal Teatro 1 di Cinecittà World. In ogni serata saranno presenti importanti personaggi del mondo musicale, del cinema, del teatro e della tv. Gli ospiti eccezionali della prima puntata sono: Claudio Baglioni, Alessandro Siani, Francesco De Gregori, Antonello Venditti, Giorgio Panariello, Marco Mengoni, Marco Giallini, Giorgia, Edoardo Leo, Andrea Bocelli, Sabrina Impacciatore, Achille Lauro, Gigi D’Alessio, Ambra Angiolini, Samuele Bersani, Flavio Insinna e Luciano Ligabue.

Il titolo del programma ricorda l’omonima canzone di Ivano Fossati: “La canzone è stata di ispirazione a questo programma- ha confermato Mannoia- La musica gira intorno a noi e non ci lascia mai.Ci sono canzoni che ci ricordano dei momenti. Se ho provato a convincere Ivano Fossati a partecipare? Gli ho detto che avremmo usato la canzone come titolo ed è stato felice. Ho provato anche a dire se voleva partecipare, ma mi ha detto sto tanto bene a casa, non ci penso per niente”.

In questo programma, ha detto ancora Fiorella Mannoia, “c’è musica per la testa, che fa pensare, c’è musica per il cuore, che fa emozionare, c’è musica per le gambe, che trasmette allegria e fa ballare. Ci sono parole per le canzoni e ci sono parole che diventano storie da raccontare, le nostre storie, la nostra musica”.
Mannoia ha anche anticipato il nome di uno degli ospiti della seconda puntata: “Ci sarà Zucchero. Non è stato difficile convincerlo, ha accettato subito l’invito. Questa cosa mi commuove, di tutti quelli che hanno chiamato non c’è stata nessuna defezione”.

Alla conferenza era presente anche il direttore di Rai1 Stefano Coletta, che si è detto di felice di un programma “che riporta sulla Rai Fiorella Mannoia, artista che amo da sempre, un mix tra talento musicale e talento di una donna con le palle”. Sono intervenuti anche il vicedirettore Claudio Fasulo, che ha parlato di uno show “senza precedenti” e il regista Duccio Forzano, che ha spiegato: “C’è stato un grande lavoro di squadra”.

INNATURALE CANTARE DAVANTI AD UNA PLATEA VUOTA

Com’è cantare davanti una platea vuota, senza pubblico? Questo per noi è innaturale“. Sono le parole di Fiorella Mannoia che, in conferenza stampa, racconta così l’esperienza vissuta durante la registrazione della prima puntata.

Sul palco sono saliti attori e cantanti, che hanno recitato monologhi o cantato canzoni, davanti ad una platea vuota a causa dell’emergenza sanitaria in corso. “Siamo stati aiutati da applausi che immaginavamo e non vedevamo. Un conto è avere persone davanti che applaudono. È come entrare in un teatro e cantare davanti al nulla. Ma dobbiamo accettarlo, la sicurezza prima di tutto”.

“LA SECONDA ONDATA CI HA DEVASTATO”

“La seconda ondata ci ha devastato” mentre con la prima “eravamo un popolo unito”, ha proseguito la cantante. “Dalle grandi disgrazie scaturisce nel popolo un senso di apparteneza- ha detto la cantante- Quando siamo usciti ci siamo dati alla pazza gioia, pensavamo che tutto fosse finito. La seconda ondata ci ha devastato, ha tirato fuori i problemi pratici, problemi di lavoro e la preoccupazione peri il futuro. Siamo tutti con i nervi tesi. Noi saremo gli ultimi a ripartire. Penso alle attività turistiche, ai negozi che chiudono, come al centro di Roma”.

“MI PIACEREBBE RECITARE DI NUOVO, MA NON MI CHIAMANO…”

“Io di nuovo al cinema? Mi piacerebbe, ma non mi chiamano…”. È quasi un appello, tra il serio e lo scherzoso, quello della cantante romana, che ha recitato nel 2016 nel film ‘7 minuti’ di Michele Placido: “Sono stata felice di aver partecipato al film di Michele Placido, che ringrazio. Mi piacerebbe recitare di nuovo al cinema, ma non mi chiamano. Io sono qui. Non mi dispiacerebbe se ci fosse un ruolo adatto a me. Sarei ben felice”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»