Alle nomination degli Oscar “solo bianchi”: è polemica

Rispolverato l'hashtag #oscarssowhite per chiedere più inclusione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Delusione per le nomination agli Oscar di quest’anno, giudicate da molti “troppo bianche“. A salvare dall’imbarazzo l’Accademia è Cynthia Erivo (‘Harriet’), la sola afroamericana candidata come miglior attrice protagonista, ma ciò secondo la rivista Variety non è servito a impedire che tornasse tra i trend topic #OscarsSoWhite, l’hashtag lanciato nel 2015 per chiedere di allargare la platea di candidati e vincitori ad attori e registi dalla pelle nera, asiatici e latini. Le polemiche si sono scatenate sui social ma anche sui media: molti lamentano la scelta, persino tra attori e attrici non protagoniste, di soli bianchi, mentre non è sfuggito che il nome di Scarlett Johansson ricorra addirittura due volte.

LEGGI ANCHE

RECENSIONE | Dopo Cannes ‘Parasite’ punta agli Oscar

Agli Oscar 2020 ‘Joker’ sfida ‘The Irishman’ e ‘C’era una volta a Hollywood’: tutte le nomination

Fuori dalla corsa sono invece rimaste interpreti del calibro di Awkwafina e Zhao Shuzhen (entrambe in ‘The Farewell’), Jennifer Lopez (‘Le ragazze di Wall Street’) o Lupita Nyong’o (‘Us’). Agli uomini è andata anche peggio: tutti “bianchissimi” i candidati, per lasciare a casa Eddie Murphy (‘Dolemite Is My Name’) o Song Kang-ho (‘Parasite’). Quest’ultimo, ha osservato Variety, avrebbe potuto essere una delle candidature più originali. In questo senso un segnale arriva però da Cannes, che ha scelto Spike Lee alla guida della giuria 2020. “Onorato di essere il primo della diaspora africana”, il commento del regista.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

14 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»