Tg Ambiente, edizione del 14 gennaio 2020

https://www.youtube.com/watch?v=RilwKMtZug4&feature=youtu.be CLIMA, 2019 ANNO BOLLENTE MONDO, EUROPA E ITALIA Bilancio bollente per il clima quello dell'anno che si è appena concluso. Il
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CLIMA, 2019 ANNO BOLLENTE MONDO, EUROPA E ITALIA

Bilancio bollente per il clima quello dell’anno che si è appena concluso. Il 2019 è stato il quinto di una serie di anni eccezionalmente caldi, il secondo anno più caldo mai registrato al mondo e quello più caldo di sempre per l’Europa. L’anno che ha chiuso il decennio per l’Italia, invece, è stato il più bollente da quando sono disponibili le rilevazioni della temperatura. Come spiega il Copernicus Climate Change Service Ue, nel 2019 la temperatura media globale dell’aria superficiale è stata inferiore di appena 0,04 gradi rispetto al 2016, l’anno più caldo mai registrato. L’Europa invece ha archiviato il suo anno più caldo, leggermente avanti a 2014, 2015 e 2018. Per l’Italia ognuno degli ultimi quattro decenni è stato più caldo del decennio precedente, segnala l’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima del Cnr di Bologna, evidenziando un persistente segnale verso un continuo incremento delle temperature.

AL VIA LAVORI ‘BEYOND EPICA-OLDEST ICE’ ANTARTIDE

Al via in Antartide i lavori del progetto internazionale Beyond EPICA – Oldest Ice per la costruzione del campo base che permetterà agli esperti di 12 istituzioni provenienti da 10 Paesi europei, tra cui l’Italia, di studiare e ricostruire il clima globale degli ultimi 1,5 milioni di anni. Finanziato dalla Commissione europea con 11 milioni di euro, il progetto durerà 6 anni, durante i quali i ricercatori saranno impegnati a carotare, campionare e analizzare il ghiaccio della calotta antartica orientale, fino a una profondità di 2.730 metri. In questo modo sarà possibile raccogliere informazioni sul clima antartico e sui gas serra presenti. Il Programma Nazionale di Ricerca in Antartide italiano è finanziato dal MIUR e coordinato dal CNR per le attività scientifiche e dall’ENEA per la logistica.

BARBARIE A CATANZARO, LUPO AVVELENATO E IMPICCATO

Avvelenato, impiccato, e issato su un cartello stradale. L’ennesimo episodio di violenza e crudeltà ai danni di un lupo arriva dalla Calabria, nel comune di Marcellinara, alle porte di Catanzaro. “Un atto barbaro, crudele e intimidatorio- dice Carla Rocchi, presidente Enpa- I responsabili devono pagare”. Il Wwf per parte sua annuncia un esposto alla Procura della Repubblica. Il territorio di Marcellinara non è purtroppo nuovo a episodi di crudeltà: nel 1996 le carcasse di sette cuccioloni furono rinvenute dopo che i poveri animali erano stati avvelenati, mentre una femmina, sventrata e appesa, venne fatta ritrovare dopo pochi mesi nella proprietà di un rappresentante locale del Wwf. La soluzione? Approvare il Piano Lupo nazionale senza abbattimenti e proteggere il bestiame con cani da guardiania, come il magnifico pastore della Sila, appositamente addestrati.

CES, DA ENEL X RICARICA SEDIE A RUOTE ELETTRICHE

Un dispositivo che permette di ricaricare le batterie delle sedie a ruote elettriche utilizzando le infrastrutture di ricarica delle auto elettriche. È JuiceAbility, la nuova tecnologia sviluppata da Enel X, presentata al Consumer Electronics Show – CES DI Las Vegas, la più importante manifestazione dedicata all’hi-tech. Attraverso un cavo intelligente e una App, JuiceAbility consente di riconoscere le batterie delle sedie a ruote elettriche e di connetterle al sistema di stazioni di ricarica dei veicoli elettrici. L’obiettivo è permettere l’utilizzo delle sedie a ruote elettriche senza vincoli legati all’autonomia delle batterie. JuiceAbility nasce dalla collaborazione di Enel X con la startup italiana Avanchair e ha ricevuto il riconoscimento di “buona prassi” da parte dell’ANGLAT, Associazione nazionale di categoria, che tutela il diritto alla mobilità delle persone con disabilità.

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»