A Napoli scontro fra treni metro alla stazione Piscinola, dimesso il macchinista

"Si dovrà capire se questo evento è stato determinato da cause tecniche o umane" dichiara l'amministratore unico di Anm Nicola Pascale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – È stato dimesso il macchinista di Metro Napoli rimasto coinvolto nell’incidente avvenuto stamane alla stazione Piscinola della linea 1. L’uomo, ricoverato al Cardarelli con trauma toracico e trauma cervicale, è ora a casa.

Sul luogo dell’incidente era stato allestito nell’immediato un “posto medico avanzato” del servizio 118 Napoli 1 Centro che ha prestato le prime cure ad altre persone e curato feriti leggeri (in totale 12) per i quali, si legge in una nota della Asl Na1 Centro, “non si è reso necessario il ricovero in Pronto Soccorso”.

Le operazioni di soccorso sono state coordinate dal dottor Giuseppe Galano in qualità di direttore servizio 118 Asl Napoli 1 Centro e referente sanitario regionale per le maxi emergenza.

PASCALE (ANM): “SI DOVRÀ CAPIRE SE L’EVENTO É STATO DETERMINATO DA CAUSE TECNICHE O UMANE”

Sulla riapertura della tratta “bisogna capire a che ora verrà liberato il binario e le modalità con le quali la linea verrà liberata. Attendiamo che ci venga comunicato dalle forze di polizia e in relazione a questo saremo in grado di dire quando e come il servizio riprenderà. Sono già state aumentate le linee bus sulle principali direttrici: i numeri che fa la metropolitana sono molto più significativi di quelli degli autobus, ma stiamo facendo tutto il possibile”. Così Nicola Pascale, amministratore unico di Anm, dopo lo scontro alla stazione di Piscinola tra due treni della Metro 1 di Napoli intorno alle 7 di questa mattina.

“Sulla dinamica dell’incidente – spiega Pascale – è al lavoro la magistratura. Sono in corso degli approfondimenti per capire le motivazioni dell’evento che ha coinvolto tre treni: uno proveniente da Garibaldi e diretto a Piscinola, uno che si immetteva in linea e un altro, coinvolto solo parzialmente, proveniente da Piscinola e diretto a Garibaldi”.

Nel complesso i danni ai mezzi hanno riguardato “le porte di uno, in maniera significativa la cabina di pilotaggio di un altro e l’ultimo lateralmente nella parte dedicata ai passeggeri”. Il numero uno dell’azienda napoletana dei trasporti chiarisce che “le attività di manutenzione straordinaria, sia sulla rete che sul materiale rotabile, vengono regolarmente effettuate. Si dovrà capire se questo evento è stato determinato da cause tecniche o da cause umane”.

Il servizio della Metro 1 resta sospeso e “presumibilmente – conclude Pascale – lo sarà per l’intera giornata”.

IL VICESINDACO DI NAPOLI: “LA METROPOLITANA É SICURA” 

La metropolitana è sicura. È una linea costantemente attenzionata. Purtroppo in tutte le reti metropolitane esiste una percentuale di possibili incidenti: nella disgrazia siamo stati fortunati che siamo difronte a un ferito lieve, tanto spavento, ma danni limitati ai mezzi”. Lo ha detto Enrico Panini, vicesindaco di Napoli, parlando con i giornalisti in merito allo scontro alla stazione di Piscinola che ha coinvolto tre treni della Metro 1 di Napoli.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

14 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»