Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Trivelle, Emiliano: “Serve presto intesa tra Governo e Regioni” VIDEO

ROMA  - Sul tema delle prospezioni alla ricerca di idrocarburi "si deve trovare un'intesa fra Governo, Regione Puglia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – Sul tema delle prospezioni alla ricerca di idrocarburi “si deve trovare un’intesa fra Governo, Regione Puglia e altre Regioni: speriamo ciò possa accadere al più presto”.

Michele Emiliano, presidente della Regione Puglia, lo dice lasciando il ministero dello Sviluppo economico dove ha partecipato a un tavolo sul futuro di Versalis, e dove però inevitabilmente si è parlato anche di trivelle.

Dopo le frizioni dei giorni scorsi, con la titolare del dicastero, Federica Guidi, “ci siamo scambiati qualche battuta”, spiega Emiliano, segnalando come “l’incidente delle Tremiti” risultasse “assolutamente imprevisto in una procedura che stava andando verso l’accordo tra le Regioni e il Governo sulla questione delle prospezioni”. Infatti, “al di là della questione terminologica alla quale qui tengono molto, pensavamo che una volta trovato l’accordo non ci fossero più altre concessioni, soprattutto attorno al punto ambientalmente più delicato della Puglia che sono le isole Tremiti, un parco marino strepitoso”, spiega il presidente della Regione. Invece, quello che è accaduto è che proprio mentre si stilava un emendamento alla Legge di Stabilità che ribadiva il limite delle 12 miglia dalle coste per le trivelle, è arrivato un decreto con cui il governo ha autorizzato le ricerche di idrocarburi al largo delle Isole Tremiti. Infine, prospezioni o perforazioni, una “questione terminologica” ma anche di sostanza, conclude Emiliano, perché allo Sviluppo economico “dicono che cercare petrolio non equivale a trivellare, ma allora il petrolio lo cerchi per fare che? Per toglierti la curiosità?”.

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»