Caso Quarto, Fico minaccia querele: “Chat? Noi non sapevamo”

"E' una chat organizzativa che può essere resa pubblica in qualsiasi momento", sostiene Fico
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – “Niente di nuovo è la chat di tutti gli eletti in Campania. Puo’ essere resa nota in qualsiasi momento”. Roberto Fico risponde al Mattino e ai parlamentari Pd che riferiscono di una chat dei Cinque Stelle che sarebbe la prova del fatto che Fico e Di Maio sapevano delle minacce al sindaco Rosa Capuozzo.

roberto fico

“Se in quella chat avessero scritto qualcosa”, dice Fico a Montecitorio a proposito delle minacce a Capuozzo, “allora dovevano sapere tutti i parlamentari, tutti i consiglieri regionali e tutti gli eletti in Campania. In realta’ e’ una chat organizzativa che può essere resa pubblica in qualsiasi momento“.

Il senatore del Pd Stefano Esposito, tra gli altri, dice che i M5s “sapevano tutto, anche se a loro insaputa”. “Chiunque lo affermi senza avere elementi verrà querelato”, risponde Fico.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»