Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Stefani: “I 200 milioni per la disabilità non sono spariti, ma andranno alla legge delega che ha più risorse”

ERIKA_STEFANI
"Non é manifesto ma aiuta a cambiare l'intero sistema"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  “Il fondo per la disabilità, nato nel 2019, a cui noi ci siamo agganciati con la legge delega prevedeva 200 milioni. Ora quei 200 milioni sono stati utilizzati dal Mef per la campagna vaccinale ma quei non sono scomparsi, verranno comunque attribuiti alla legge delega sulla disabilità che anzi aumenta le sue risorse. La legge finanziaria è sempre un arcano e bisogna saperla leggere”. Così Erika Stefani, ministra per la Disabilità, interviene sul caso dei 200 milioni di euro sottratti al settore disabilità, nel corso della conferenza nazionale sul tema, promossa dalla stessa Stefani e in corso presso la sala funzionale della Presidenza del Consiglio.

“Con questa legge delega noi agiamo nell’ottica anche di una semplificazione e agiamo anche istituendo la figura del garante, tra le altre misure della norma, ma non sarà una legge manifesto questo. Noi questa legge dobbiamo realizzarla, con le Regioni, con Inps, con gruppi di lavoro diversi, con la pubblica amministrazione. C’è tanto lavoro da fare- continua Stefani- la legge e i relativi decreti legislativi non risolveranno tutti i problemi della disabilità ma ci aiuteranno a cambiare l’intero sistema del mondo della disabilità”, conclude.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»