Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Le scuole di italiano per migranti? Ora serve un prof per gli insegnanti

Alle scuole di italiano per migranti serve un approccio più dinamico. E c'è chi parte con tutorial formativi online
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Anche i migranti sono tornati a scuola in Emilia-Romagna e in presenza (con tanto di richiesta di green pass). Le scuole gratuite con docenti volontari che da Piacenza a Rimini insegnano l’italiano agli stranieri sono una sessantina (di cui 20 a Bologna) e, “dopo il lockdown in cui vi era solo la didattica a distanza, hanno ripreso l’attività con lezioni in presenza, ma spesso anche mantenendo varie classi di insegnamento a distanza per raggiungere allievi che possono più facilmente partecipare con questa modalità”, spiega Antonio Ghibellini, di Aprimondo Centro Poggeschi di Bologna. E se fino a pochi mesi fa il problema era reclutare insegnanti, che scarseggiavano a causa della pandemia (molti ‘prof’ sono infatti docenti in pensione), ora c’è una esigenza nuova: insegnare agli insegnanti come far imparare bene l’italiano agli stranieri.

LEGGI ANCHE: I migranti a Bologna diventano la Madonna, Giuseppe e le altre statue del presepe

CONTINUA A MANCARE UN’OFFERTA FORMATIVA REGIONALE

L’1 dicembre scorso, c’è stata una riunione in cui le scuole di italiano per migranti “si sono scambiate informazioni sulle reciproche attività e ritengono importante che si realizzi una formazione qualificata, anche con modalità innovative, per i propri insegnanti”. Il punto è, dice Ghibellini parlando alla ‘Dire’, che “continua a mancare un’offerta formativa a livello regionale per gli insegnanti volontari che svolgono un lavoro didattico molto grande, sia dal punto di vista della qualità che per numero di allievi”. E “purtroppo a livello regionale non esiste ancora -a differenza di altre regioni come il Lazio- un rapporto di collaborazione tra le scuole migranti, i centri statali per l’istruzione degli adulti e le Università”. Quindi come si fa? “Abbiamo intanto deciso di auto-produrci online la ‘nostra’ formazione“, risponde Ghibellini, chiamando esperti molto qualificati a cui far registrare in video prime indicazioni per questa particolare didattica per poi poterle diffondere ai volontari delle scuole sparse per la regione.

SERVE UN APPROCCIO DINAMICO E MODERNO NELLE LEZIONI

Tra i docenti di italiano per stranieri impegnati in Emilia-Romagna c’è, peraltro un notevole rinnovamento, e si cercano comunque e sempre nuovi volontari disponibili. Parecchie associazioni hanno rilevato come molto positivo l’aiuto fornito da tirocinanti universitari, studenti liceali in alternanza studio-lavoro, ragazzi in servizio civile. Molti volontari, è stato rilevato, hanno “grande cuore, ma poche competenze didattiche”. C’è dunque bisogno di formazione, ma che sia “moderna” e che sappia proporre “lezioni dinamiche” anche per rispondere ai “forti cambiamenti nelle nazionalità degli allievi” fra cui ci sono parecchi minorenni provenienti da comunità di accoglienza.

LE SCUOLE PER MIGRANTI E IL BISOGNO DI ‘PUBBLICITÀ

Speriamo veramente che Regione e altri enti attivino eventi di formazione, perché risulterebbe molto interessante”, incrociano le dita alcuni docenti-volontari. Ma siccome su questo fronte pare difficile smuovere le acque, ecco l’idea dell’auto-produzione della formazione, preceduta da un questionario sui bisogni formativi dei docenti volontari, già mandato alle scuole migranti. L’esigenza della formazione va poi di pari passo, hanno rilevato e segnalato molte scuole di italiano, con l’esigenza di “maggiore visibilità” sull’attività di queste stesse scuole. Gli indirizzi delle singole scuole sono reperibili sul web, e anche su google.maps digitando ‘scuole italiano emilia-romagna’. Ma si sa poco della loro esistenza e attività: “Occorre far conoscere di più il lavoro che facciamo come scuole migranti“, è stato detto nella riunione dell’1 dicembre.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»