Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Sanità, edizione del 13 dicembre 2021

Si parla di Covid e vaccino, monoclonali, dolore, epatite C
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

– COVID. ISS: RT IN LEGGERO CALO, MA CRESCE ANCORA INCIDENZA

Continua ad aumentare l’incidenza settimanale a livello nazionale, con 176 casi per 100mila abitanti, rispetto ai 155 per 100mila del periodo precedente, cioè riferiti alla settimana dal 26 novembre al 2 dicembre. È quanto emerge dell’ultimo monitoraggio della Cabina di regia dell’Istituto superiore di sanità e del ministero della Salute. Diverso, invece, l’andamento dell’indice Rt: “Nel periodo compreso dal 16 al 29 novembre, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 1,18, leggermente in diminuzione rispetto alla settimana precedente, ma comunque al di sopra della soglia epidemica”. Sale ancora il tasso di occupazione delle terapie intensive, che si attesta all’8,5%, contro il 7,3% dello scorso 2 dicembre. Aumenta, infine, anche il tasso di occupazione nelle aree mediche, che sale al 10,6%, rispetto al 9,1% dell’ultima rilevazione.

– VACCINO. SPERANZA: LEGITTIMA DISCUSSIONE IN CORSO SU OBBLIGO

“Sull’obbligo vaccinale c’è una legittima discussione in corso”. Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, incontrando i giornalisti a margine del Consiglio Ue della Salute la settimana scorsa a Bruxelles. “È legittima la posizione dell’OMS, della Germania e dell’Austria- ha aggiunto Speranza- che stanno aprendo una discussione. Io insisto sul punto che il vaccino è il vero strumento essenziale: tutte le strade che aiutano la copertura vaccinale- ha sottolineato il ministro- sicuramente aiutano a tenere sotto controllo la curva dell’epidemia”.

– COVID. VARIANTE OMICRON, SILERI: RIDIMENSIONATA ENTRO CERTI LIMITI

La variante Omicron “va ridimensionata entro certi limiti, nel senso che dobbiamo aspettare risultati più certi”. Così Pierpaolo Sileri, sottosegretario alla Salute, intervenendo ai microfoni di radio Cusano Campus. “È stato detto che probabilmente si diffonde di più e probabilmente è pericolosa alla stessa maniera- ha proseguito Sileri- ma il pericolo vero è che possa eludere i vaccini”. Al momento, ha fatto poi sapere il sottosegretario, sembra che venga “neutralizzata con tre dosi e, se questo fosse confermato, significherebbe che dobbiamo accelerare con i booster”.

– VACCINO. FIGLIUOLO: 500MILA SOMMINITSRAZIONI AL GIORNO, IN ARRIVO 2 MLN DOSI PFIZER

“Le prossime settimane vedranno l’arrivo di ulteriori 2 milioni di dosi di vaccini mRNA Pfizer”. Lo ha fatto sapere il commissario per l’emergenza Covid, il Generale Francesco Paolo Figliuolo, assicurando che non c’è un problema di scorte per far fronte alle richieste di vaccinazione. Con l’attuale disponibilità, quindi, si potranno vaccinare “potenzialmente 25 milioni di persone”. Figliuolo ha poi ricordato che “tra il 1 e l’8 dicembre sono state effettuate 3,5 milioni di somministrazioni, mezzo milione in più rispetto al target indicato, che ha permesso di superare, in alcuni giorni, le 500mila somministrazioni”.

– COVID. AIFA: PRESTO A DISPOSIZIONE MONOCLONALI A DOMICILIO

“Si stanno valutando nuovi monoclonali diretti contro la proteina S, la stessa utilizzata per indurre risposta anticorpale con i vaccini, e in grado di neutralizzare con altissima efficacia il virus, bloccando l’infezione e non solo la malattia. Credo che presto avremo a disposizione, monoclonali somministrabili per via sottocutanea o intramuscolare e in questo caso si potrà intervenire a casa del paziente, senza intasare ospedali e pronto soccorso”. Lo ha fatto sapere il presidente dell’Agenzia italiana del Farmaco, Giorgio Palù, in audizione in Commissione Affari Costituzionali del Senato la settimana scorsa.

– COVID. IMMUNOLOGO: GUARITI PIÙ A RISCHIO REINFEZIONE VACCINATI

“Le persone che guariscono dal Covid hanno un maggiore rischio di ammalarsi di nuovo rispetto alle persone vaccinate”. Così l’immunologo dell’Accademia Nazionale dei Lincei, Guido Forni, nel corso del programma ‘Res Publica’ su Cusano Italia Tv. “Questo vuol dire che il virus del Covid viene meno bene riconosciuto dal nostro sistema immunitario- ha spiegato l’immunologo- oppure che ha una cinetica replicativa per cui si diffonde prima che la risposta immunitaria diventi efficace”. Sull’aggiornamento del vaccino alle varianti, Forni ha infine detto: “Una delle poche cose buone portate da questa pandemia è stato lo sviluppo dei vaccini a mRna, che hanno il vantaggio incredibile di poter essere modificati in tempi rapidissimi”.

– PRESENTATO ‘MANIFESTO’ SIAARTI CONTRO LA SOFFERENZA

Dieci punti, dieci emergenze, dieci diritti non più rimandabili su cui Siaarti richiama l’attenzione tempestiva di istituzioni centrali e regionali, professionisti della sanità, cittadini e pazienti: questo è ‘Oltre il dolore, Manifesto sociale contro la sofferenza’, presentato a Roma. “Un milione di italiani soffre oggi di dolore cronico severo e noi non possiamo accettare che le criticità nelle vite quotidiane di queste persone siano dimenticate” ha detto Antonino Giarratano, presidente della Società italiana di anestesia analgesia rianimazione e terapia intensiva, riferimento per la terapia del dolore inserita nella legge 38/2010 che presenta però elementi ancora non applicati.

– EPATITE C. IN CAMPANIA 8 MLN EURO PER SCREENING IN BIENNIO 2021/22

“La Regione Campania avrà a disposizione circa 8 milioni di euro per avviare lo screening gratuito sull’epatite C”. Lo ha fatto sapere Antonio Solano, dirigente medico presso la ASL Napoli 1 Centro, intervenendo al corso di formazione Ecm sulla gestione dei tossicodipendenti con epatite C, organizzato dal provider Letscom E3 con il contributo non condizionante di AbbVie. Il corso rientra nell’ambito del progetto ‘HAND’. “Ora bisogna acquistare i test rapidi necessari per far partire lo screening”, ha proseguito Solano, secondo cui in Campania ci sono un “totale di circa 1 milione e 600mila persone da screenare, oltre a circa 8.500 detenuti e ad un numero pari di utenti Ser.D.”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»