Trionfo conservatore in Gran Bretagna, Brexit a gennaio e Scozia a rischio

Sulla base delle stime della Bbc diffuse dopo i primi risultati, ai Tories andranno 364 seggi, ai laburisti 203, ai nazionalisti scozzesi 48 e ai liberal-democratici 12
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Brexit dietro l’angolo, già a fine gennaio, crisi laburista e nuovi venti indipendentisti che soffiano dalla Scozia: queste le conseguenze immaginate da gran parte degli analisti dopo la conquista da parte dei conservatori di Boris Johnson della maggioranza assoluta nel parlamento britannico. Sulla base delle stime della Bbc diffuse dopo i primi risultati, ai Tories andranno 364 seggi, ai laburisti 203, ai nazionalisti scozzesi 48 e ai liberal-democratici 12. Se questi numeri fossero confermati, i conservatori avrebbero la maggioranza assoluta con un margine di 78 deputati, un record.

LEGGI ANCHE

Elezioni in Gran Bretagna. Johnson pro Brexit nel video-parodia di ‘Love Actually’, ma Hugh Grant non ci sta

Nella notte Johnson ha confermato che, restando alla guida del governo, rispetterà lo slogan “Get Brexit Done”, portando il Regno Unito fuori dall’Ue entro fine gennaio. Il voto, d’altra parte, ha travolto Jeremy Corbyn. I suoi laburisti hanno ottenuto il risultato peggiore dal 1935. Positivo infine il bilancio per lo Scottish National Party, che ha conquistato quasi tutti i seggi in palio a nord del Vallo di Adriano. La premier di , Nicola Sturgeon, ha detto di “un messaggio molto chiaro”: la tesi è che Johnson non ha un mandato per portare la Scozia fuori dalla Ue e che gli elettori hanno espresso “un forte sostegno” a un nuovo referendum sull’indipendenza.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

13 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»