Tiziano Ferro per lui arriva il doppio platino

Singolo e album, Il mestiere della vita, al top di tutte le classifiche
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Tiziano FerroROMA – Tiziano Ferro come re Mida, anzi di più. Tutto quello che tocca, anzi che incide, si trasforma in platino. Per il nuovo album, Il mestiere della vita, non poteva essere diversamente.

Tiziano Ferro Il mestiere della vita album già platino

E’ passata solo una settimana dalla sua pubblicazione e Il mestiere della vita è stato già certificato disco di platino da Fmi. Stessa sorte anche per il singolo, Potremmo ritornare, primo estratto dal nuovo lavoro. Ma Tiziano Ferri non è solo musica incisa è anche, e soprattutto, musica live. Il suo “Tiziano Ferro Tour 2017” promette già di battere molti record. Gia venduti, infatti, oltre 200mila biglietti. Tiziano Ferro è stato così “costretto” a raddoppiare le date di Milano e Roma.

Tiziano Ferro tutte le date del tour

Si parte l’11 giugno da Lignano (UD) Stadio Teghil. Poi il 16 giugno a Milano allo Stadio San Siro, ancora Milano il 17 giugno. Il 21 giugno è la volta di Torino Stadio Olimpico. Il 24 giugno a Bologna Stadio Dall’Ara; 28 giugno Roma Stadio Olimpico; 30 giugno Roma Stadio Olimpico; 5 luglio Bari Arena della Vittoria; 8 luglio Messina Stadio San Filippo; 12 luglio Salerno Stadio Arechi. Il tour, salvo aggiunte di date, dovrebbe chiudersi il prossimo 15 luglio allo Stadio Franchi di Firenze.

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»