Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Di Maio ancora minacciato dall’Isis. La sua foto in una rivista dello Stato islamico

Sulla rivista dello Stato islamico 'Al Naba' pubblicato un articolo intimidatorio nei confronti del ministro degli Esteri
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio finisce di nuovo nel mirino dell’Isis. Sulla rivista dello Stato islamico, ‘Al Naba’, è stato pubblicato un articolo intimidatorio nei confronti del titolare della Farnesina, ritratto in una foto insieme al Segretario di Stato statunitense, Anthony Blinken, in occasione della riunione ministeriale anti-Daesh svoltasi a Roma lo scorso 28 giugno.

luigi di maio rivista isis

LA SOLIDARIETÀ DELLA POLITICA

A Di Maio, che già in estate era stato minacciato dall’Isis, è arrivata la solidarietà del mondo politico. Il presidente del Copasir, il senatore Adolfo Urso, scrive: “Piena solidarietà al ministro degli Esteri Di Maio oggi vittima di un grave messaggio intimidatorio da parte della rivista dell’Isis, ‘Al Naba’. Si tratta del secondo episodio a distanza di quattro mesi anche se con modalità differente e per questo più preoccupanti nei confronti di chi ha la titolarità della politica estera del Paese. Proprio nelle scorse settimane il Copasir ha richiamato in una Relazione al Parlamento sul pericolo jihadista e in particolare sui processi di radicalizzazione dei cosiddetti lupi solitari. Episodi come questi confermano che la soglia di attenzione deve rimanere molto alta, e che in particolare bisogna agire sul lato della prevenzione e del costante monitoraggio delle minacce e di quei fenomeni di radicalizzazione che sempre più spesso alimentano atti terroristici”.

“Le deputate e i deputati del Pd sono vicini al ministro Luigi Di Maio. La nostra solidarietà per le nuove gravissime minacce dell’Isis. Queste intimidazioni non fermeranno l’impegno dell’Italia nella lotta al terrorismo internazionale”. Così Debora Serracchiani, capogruppo Pd alla Camera.

“Solidarietà al ministro Luigi Di Maio per le preoccupanti minacce ricevute dall’Isis. Il terrorismo islamico è un pericolo globale a cui ci si oppone restando uniti e compatti. Non ci fanno paura. È dovere delle istituzioni e della politica italiana tenere alto il livello di guardia di fronte a un nemico che vuole sottomettere la nostra libertà”. Lo dichiara la presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

LA VICINANZA DI CASELLATI E FICO

Il presidente della Camera, Roberto Fico, su Twitter fa sapere che “l’Italia non arretrerà di un centimetro nella sua lotta al terrorismo internazionale. Le minacce dell’Isis al ministro Di Maio sono minacce a tutta la nostra comunità. A lui la vicinanza mia e di tutta Montecitorio”.

Esprimo vicinanza e solidarietà al ministro Di Maio. Nessuna minaccia potrà mai scalfire l’impegno e la determinazione dell’Italia nella lotta al terrorismo”. Così la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati in un messaggio al titolare degli Esteri, oggetto di minacce da parte dell’Isis.

CONTE: “NON ABBIAMO PAURA, CHI TOCCA LUIGI TOCCA TUTTI NOI”

“Sono vicino a Luigi Di Maio per le nuove, gravissime minacce ricevute dai terroristi Isis. Non ci fanno paura: il suo impegno, al servizio del Paese e della stabilità internazionale, non sarà scalfito da atti intimidatori. Chi tocca Luigi tocca ognuno di noi”. Lo scrive su Twitter il presidente del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte. Dal fronte pentastellato, è arrivata anche una nota dei deputati M5S in commissione Affari esteri alla Camera: “Le minacce dell’Isis non scalfiranno l’impegno del ministro Di Maio, esattamente come è già successo nei mesi scorsi. Purtroppo, il ministro non è nuovo a questo tipo di attacchi ma siamo certi che continuerà nel suo prezioso lavoro senza lasciarsi impensierire dalle vigliacche intimidazioni di cui è ormai costantemente bersaglio. Siamo vicini a Di Maio, al quale vogliamo esprimere, ancora una volta, tutta la nostra solidarietà”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»