fbpx

Tg Politico Parlamentare, edizione del 13 novembre 2020

CAMPANIA VERSO ZONA ROSSA, LA RABBIA DI DE LUCA

E’ un fiume in piena il presidente della regione Campania Enzo De Luca, che accusa il governo di aver ritardato l’adozione del lockdown nazionale e di aver creato il caos con il sistema delle zone colorate, a suo dire una vera idiozia. “Se a palazzo Chigi ci devono stare dei dilettanti come Di Maio allora e’ meglio che vadano a casa”, e’ in sintesi il duro attacco di De Luca, proprio nel giorno in cui il governo si avvia a disporre la zona rossa per la Campania e per la Toscana, mentre Emilia-Romagna, Friuli e Marche potrebbero diventare arancioni. De Luca denuncia una campagna di “sciacallaggio” contro la sua regione e non risparmia nessuno, dal sindaco di Napoli Luigi De Magistris a Roberto Saviano, che definisce un “camorrologo di professione, un milionario che veste come un carrettiere perche’ fa tendenza”.

CONTE DIFENDE LA SCUOLA E DIALOGA CON LA CGIL

 “Le scuole non sono dei focolai”. E’ Giuseppe Conte oggi a difendere le scelte del governo e quello che chiama “il valore” della didattica in presenza. Il premier non nasconde che oggi qualche regione potrebbe cambiare di colore, però predica ottimismo: “Confido che oggi l’RT nazionale possa scendere sotto all’1,7- dice- a dimostrazione che le nostre misure funzionano”. All’orizzonte però non c’è alcuna “catarsi liberatoria”, avverte, perché “il pericolo” del virus è ancora tra noi. Ospite della Cgil, Conte dialoga col segretario Maurizio Landini a cui promette di “rafforzare e aggiornare lo statuto dei lavoratori”. Ma non solo: “Lavoriamo insieme- rilancia Conte- a uno statuto delle imprese”.

MANOVRA E RISTORI, DOPPIA SESSIONE DI BILANCIO

Un fondo da 500 milioni di euro per le politiche attive. Ma anche sgravi contributivi al 100% per l’assunzione dei giovani under 35 e incentivi per l’occupazione femminile. Prende forma la legge di bilancio. Nelle prossime ore è atteso il testo definitivo e intanto si profila una inedita doppia sessione in Parlamento, con Montecitorio impegnato sulla manovra e Palazzo Madama sugli indennizzi alle imprese. Il governo, infatti, sta preparando un terzo decreto Ristori finanziato con un nuovo scostamento di bilancio da 15-20 miliardi. La vice ministra dell’Economia, Laura Castelli chiede al Mef di mettere a punto una norma che preveda aiuti per tutte le aziende che hanno subito un calo del fatturato.

CARLA GARLATTI GARANTE PER L’INFANZIA

La nuova presidente dell’Autorità Garante per l’infanzia e l’adolescenza è Carla Garlatti. A nominarla i presidenti di Senato e Camera dei deputati, Casellati e Fico, a una settimana dalla Giornata Internazionale dedicata ai Diritti dei bambini e dei ragazzi. Nata a Udine nel 1957, Carla Garlatti è magistrato dal 1986, ed attualmente ricopre l’incarico di presidente del Tribunale per i minorenni di Trieste. “Abbiamo scelto un profilo di alta competenza e professionalità. Siamo certi che Carla Garlatti saprà interpretare al meglio un ruolo delicato”, hanno detto Fico e Casellati.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

13 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»