Agricoltura, Ciarla (Arsial): “Con ‘Porto sicuro’ favoriamo la filiera del Lazio”

Incentivando lo sviluppo dell’e-commerce nelle aziende agricole, guardando anche alle necessità di chi, causa Covid, non può uscire di casa
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Incentivare lo sviluppo dell’e-commerce nelle aziende agricole del Lazio, guardando anche alle necessità di chi, in questa nuova fase acuta della pandemia da Covid, non può uscire di casa. È lo spirito di ‘Porto Sicuro – Il Lazio a casa tua, filiera agricola solidale’, il bando di Arsial che si è concluso ad agosto e che il neopresidente dell’Agenzia regionale, Mario Ciarla, ha illustrato nel corso dell’inaugurazione del format streaming ‘Buoni e belli – Sapori e valori del Lazio’: “Abbiamo messo a disposizione due milioni di euro a fondo perduto per 200 aziende, quindi 10mila euro ad azienda, per costruire un meccanismo che in parte favorisse la filiera agroalimentare del Lazio e dall’altra mettesse l’accento, in questa fase emergenziale, sulla riduzione della circolazione delle persone e sull’aiuto a chi è in condizione di disagio ed e’ impossibilitato a muoversi dal proprio domicilio per la propria salute”.

CIBI SANI, BUONI E A BASSO IMPATTO SULL’AMBIENTE

Alla base della scelta di Arsial c’è “una riflessione che parte dal concetto di buono, che non è rimandato solo al gusto ma che guarda al valore dei prodotti e al loro impatto sul pianeta e sull’ambiente– ha sottolineato Ciarla- La salubrità non è in antitesi col gusto, è vero esattamente il contrario. C’è uno studio dell’Università di Oxford che mette in luce come i cibi più sani e buoni sono quelli che hanno meno impatto sull’ambiente e sulla società. Quindi la filiera corta, l’attenzione alla tracciabilità, alla valorizzazione del patrimonio agroalimentare regionale e al sostegno alle produzioni locali sono dentro la mission di Arsial e sono un lavoro che stiamo sviluppando per la consapevolezza e l’importanza di una filiera agroalimentare basata sulla qualità”.

La necessità di evitare gli assembramenti, in questa recrudescenza dell’emergenza sanitaria, sta allontanando le persone dai negozi e favorendo sempre di piu’ l’e-commerce: “Questa crisi e’ diversa da quella del 2008: quella era finanziaria, questa impatta nella quotidianita’ della vita di ognuno di noi. Quindi, il cambio di paradigma che comporta ha un esito irreversibile. Il Covid è il grande acceleratore di processi che gia’ esistevano- ha detto Ciarla- Questo riguarda le diseguaglianze ma anche certe abitudini che entrano nel nostro modo di vivere e non ci fanno più tornare indietro. Pensiamo all’e-commerce, su cui ‘Porto sicuro’ si basa. Io stesso su internet non acquistavo nulla, ora prendo li’ perfino i regali per mio figlio. Ognuno di noi ha sempre avuto un certo fascino per cio’ che era lontano, questa crisi invece ci ha costretto a riscoprire l’importanza di ciò che ci e’ vicino”. E questo vale anche per il turismo, settore che va a braccetto con l’enogastronomia: “Il mondo dopo la pandemia non sarà più uguale a quello di prima, soprattutto le città e le aree metropolitane saranno diverse, chi fa una passeggiata nel centro di Roma se ne accorge già adesso. Questo e’ l’inizio di un ragionamento e di una riflessione per una classe dirigente lungimirante che prova a immaginare quello che succederà dopo- ha concluso Ciarla- In questo modo ci mettiamo in condizione, nel dopo pandemia, di essere in sintonia con le aspettative dei cittadini”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

13 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»