David di Donatello 2021, candidabili tutti i film usciti in streaming e on demand

Un cambio delle regole 'straordinario' nell'anno segnato dalla pandemia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – In considerazione della gravità del momento, la presidente Piera Detassis e il Consiglio direttivo dell’Accademia del Cinema Italiano, all’unanimità, hanno deciso che, esclusivamente per l’anno in corso, siano considerati eleggibili per le candidature dei Premi David di Donatello 2020/21 tutti i film italiani la cui uscita era stata prevista in origine per la sala e che invece, a causa dell’emergenza epidemica e della chiusura dei cinema in diversi periodi dell’anno, sono stati diffusi attraverso le piattaforme streaming e VOD (video on demand). Cosi’ in una nota stampa. L’Accademia, come esplicitato nell’Articolo 2 del regolamento (https://www.daviddidonatello.it/accademia/regolamento-giuria.php), si allinea per questa edizione alle deroghe stabilite dai decreti ministeriali, assecondando criteri di ammissione al concorso più ampi ed inclusivi. Una scelta- continua il comunicato- che ha lo scopo di non penalizzare ulteriormente la nostra industria cine-audiovisiva e il tanto lavoro creativo dei talenti che la animano e ne determineranno certamente la ripresa. Il David, che rappresenta tutti i lavoratori, i mestieri, le categorie e le associazioni del cinema, intende così- conclude la nota- esprimere vicinanza a tutti coloro che stanno affrontando con ansia, ma anche inesausta energia, modalità distributive restrittive inedite e più che mai complesse.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

13 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»