Santanchè: “Fontana sbeffeggiato, ma ha anticipato i tempi”

"Quando Fontana metteva la mascherina lo prendevano per il c..., oggi la mettono tutti", afferma alla 'Dire' la portavoce di Fratelli d'Italia per la Lombardia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – “Se la sono presa con la Regione Lombardia in una maniera pazzesca. Quando qui si voleva fare la zona rossa, era una giunta di matti, e il presidente era un pazzo, quando poi le ha fatte il governo la cosa era giusta. Quando Fontana metteva la mascherina lo prendevano per il c…, oggi la mettono tutti: diciamo che forse Fontana ha anticipato un po’ i tempi”. Lo afferma alla ‘Dire’ la portavoce di Fratelli d’Italia per la Lombardia Daniela Santanchè.

REGIONE LOMBARDIA, “NIENTE GALLERA, ALLEANZA SOLIDA”

“Non abbiamo parlato di assessori, non abbiamo parlato di assessorati, non abbiamo parlato di Gallera, abbiamo semplicemente discusso sulla necessità di mettere tutti il nostro contributo affinché i lombardi capiscano quello che sta facendo la Regione Lombardia. L’alleanza rimane solida, tra me Grimoldi e Salini c’era la massima condivisione“, prosegue la portavoce di Fratelli d’Italia per la Lombardia.

La senatrice FdI rendiconta così il vertice pomeridiano della maggioranza lombarda, definito dalla stessa Santanchè “molto positivo”. In sostanza, “abbiamo messo a punto il patto del nostro tavolo politico– aggiunge- perché ognuno deve mettere del suo per rendere ancora più forte la Regione Lombardia, e soprattutto per rivendicare le tante cose che ha fatto, a partire dai 3,5 miliardi di investimenti, e tante altre cose”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»