Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Zaia: “La mascherina si tiene anche seduti al ristorante”

Il governatore del Veneto ribadisce l'importanza delle regole e annuncia: "Ho scritto al governo per chiedere di autorizzare i veterinari a fare i tamponi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – “Anche seduti al tavolo si tiene la mascherina, la si abbassa solo per mangiare o bere“. Lo precisa il presidente della Regione Veneto Luca Zaia, oggi in conferenza stampa dalla sede della Protezione civile regionale a Marghera, chiarendo che ora la palla è in mano ai veneti. Se rispetteranno le indicazioni la speranza è che la curva dei contagi rallenti, altrimenti “vuol dire che i veneti hanno deciso di prendere un’altra direzione e noi staremo qua ad aspettare che la Regione cambi area”, afferma Zaia.

“HO SCRITTO AL GOVERNO PER I TAMPONI DAI VETERINARI”

Zaia non molla sulla questione dei tamponi da far eseguire ai veterinari per aumentare le capacità di testare la popolazione. Oggi annuncia: “Ho mandato la lettera al Governo per chiedere l’autorizzazione- dice il governatore-. È un fiume in piena quello dei tamponi, abbiamo dato indicazione di estendere l’attività dei covid point”, prosegue Zaia.

“QUESTA MATTINA HO PROVATO TEST FAI DA TE, UNA FIGATA”

“Questa mattina ho provato il test fai-da-te, è una figata e se funziona ci risolve un sacco di problemi… Ha una rapidità unica, facile da usare, si basa su sistema antigenico con soglia di carica virale considerata non contagiosa”, dice ancora Zaia. “Adesso Rigoli (primario di microbiologia di Treviso, ndr) lo sta provando in doppio con il molecolare”, spiega il governatore veneto.

“PROTESTE INFERMIERI? IN VENETO NON MANCANO DPI”

Quanto alla protesta in corso oggi a Padova, dove gli infermieri lamentano carenza di personale e mancanza di dispositivi di protezione, Zaia non ci sta. “A me non risulta manchino dispositivi per la protezione– afferma il governatore-, se ne hanno contezza ci dicano in che reparto mancano perché la distribuzione viene fatta sulla base delle richieste del primario”, dice ancora Zaia rispondendo alle domande della stampa.

Abbiamo scorte per mesi, il magazzino di Azienda Zero non ha problemi, non può passare l’idea che basta dire che mancano… invito chi dice che mancano a dirci qual’è il reparto”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»