Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

In Campania si va verso le zone rosse in città con picchi di contagi

Unità di crisi: "Stiamo definendo le chiusure dei negozi non essenziali nei weekend"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Verso l’istituzione di zone rosse nelle città della Campania “dove si registra un livello alto di contagi e dove è indispensabile una drastica riduzione della mobilità, in coordinamento con le Prefetture competenti e con i Comuni per garantire l’indispensabile impiego delle forze dell’ordine per il controllo sui territori”. Così in una nota dell’unità di crisi regionale dove si legge che la decisione si è già avviata nella seduta di ieri sera e proseguirà oggi “la verifica e valutazione per alcuni Comuni”.

LEGGI ANCHE: La Regione Lazio verso una nuova ordinanza: stop ai mercati e alle grandi strutture

Al contempo si stanno anche definendo misure di limitazione, per attività commerciali non essenziali, nei fine settimana. Queste decisioni “saranno assunte sulla base della valutazione tecnica dell’Unità di crisi regionale e – si legge – degli epidemiologi che ne fanno parte“. Palazzo Santa Lucia sottolinea che l’adozione di una serie di nuove ordinanze restrittive, per incrementare le misure destinate al contrasto all’epidemia da Covid, avviene in sintonia con quanto si sta attuando in altre Regioni: Emilia Romagna, Veneto e Friuli.

LEGGI ANCHE: Scatta la stretta anti Covid in Emilia-Romagna, Veneto e Friuli: stop allo sport in città e negozi chiusi la domenica

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»