Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

FOTO | Roma, sette identificati in blitz agli ex mercati generali: si indaga su possibili riti esoterici

La polizia ha ritrovato alcuni murales e segnali che lasciano pensare che negli edifici venissero praticati rituali non meglio identificati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Maxi blitz della Polizia all’alba di oggi all’interno degli Ex Mercati generali di via Ostiense. Gli agenti del commissariato Colombo, diretti dalla dottoressa Isea Ambroselli, con il supporto del Reparto Mobile hanno fatto irruzione questa mattina nello storico complesso, per individuare alcuni senza fissa dimora che alloggiavano da tempo all’interno della struttura in stato di abbandono.

La Polizia ha potuto così liberare gli stabili, all’interno dei quali sono state fermate 7 persone, tutti maggiorenni e di sesso maschile, accompagnati all’ufficio immigrazione di via Patini per l’identificazione. In particolare si tratta un iraniano e 6 afgani, uno dei quali è stato trattenuto perché aveva il permesso di soggiorno scaduto. Tutti e 7 sono stati indagati per l’art. 633 C.P., invasione di terreni o edifici.

All’interno degli Ex Mercati, la polizia ha ritrovato anche alcuni murales e segnali che lasciano pensare che negli edifici venissero praticati rituali non meglio identificati. Indagini in corso.

mercati generali 3

mercati generali 2

mercati generali


Precedente
Successivo

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»