Colombia, definito nuovo accordo di pace con le Farc

L'annuncio è arrivato dai negoziatori riuniti a L'Avana, dove si sono svolti i colloqui di pace negli ultimi quattro anni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

venezuela_colombiaBOGOTA’ – Il governo colombiano e le Farc hanno raggiunto e firmato un nuovo accordo di pace che contiene anche i contributi dei settori che si sono opposti al patto iniziale respinto dal referendum del 2 ottobre. “In risposta al desiderio di pace e riconciliazione dei colombiani è stato raggiunto un nuovo accordo finale”, annuncia il comunicato dei negoziatori riuniti a L’Avana, la capitale cubana che ha ospitato i colloqui di pace negli ultimi quattro anni.

Questo accordo raggiunto “è migliore e mantiene lo spirito del documento iniziale“, ha affermato il capo negoziatore esecutivo, Humberto de la Calle. Intanto l’ex presidente colombiano Alvaro Uribe punta i piedi e chiede che l’accordo venga presentato all’opposizione e alle vittime delle Farc prima di renderlo ufficiale: “Dobbiamo avere il tempo di studiarlo ed esporre eventuali osservazioni o richieste di modifica”, ha detto, stando alla stampa internazionale.

di Silvio Mellara, giornalista

GENTILONI: NUOVO ACCORDO GOVERNO-FARC SIA PASSO VERSO PACE

“Colombia raggiunto un nuovo accordo tra Governo e Farc. Mi auguro che sia passo decisivo verso una pace duratura“. Lo scrive su twitter il ministro degli esteri Paolo Gentiloni.

LEGGI ANCHE:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»