Scontri ai cortei anti-Renzi a Napoli. Polizia usa idranti e lacrimogeni e idranti/FOTO

Due cortei dei centri sociali hanno cercato di entrare alla Mostra d’Oltremare, dove è in corso l’Assemblea nazionale sul Mezzogiorno,
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

napoli_scontri2

NAPOLI – Scontri a Napoli tra manifestanti e forze dell’ordine in attesa del presidente del Consiglio, Matteo Renzi. Due cortei composti da attivisti dei centri sociali hanno cercato di entrare alla Mostra d’Oltremare, dove è in corso l’Assemblea nazionale sul Mezzogiorno, forzando i cordoni di polizia in via Terracina e in viale Kennedy. Gli agenti hanno usato lacrimogeni e idranti per allontanare i contestatori che annunciano la propria partecipazione alla manifestazione nazionale del 18 novembre per il no al referendum costituzionale.

CENTRI SOCIALI SFILANO A NAPOLI CONTRO RENZI

Un centinaio di attivisti dei centri sociali sta sfilando verso la Mostra d’Oltremare di Napoli dove è atteso il presidente del Consiglio, Matteo Renzi. Il premier prenderà parte all’Assemblea nazionale sul Mezzogiorno con il numero uno di Confindustria, Vincenzo Boccia, e il governatore campano, Vincenzo De Luca. I contestatori annunciano la propria partecipazione alla manifestazione nazionale del 18 novembre per spiegare le ragioni del no al referendum costituzionale del 4 dicembre.

di Nadia Cozzolino, giornalista

LEGGI ANCHE:

Renzi a Napoli per assemblea Mezzogiorno. Fuori gli scontri, dentro blitz 3 disoccupati

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»