Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Mafie. Boom di confische in Emilia Romagna, “ma poi tutto si paralizza”

Dai dati avuti in questi giorni dall'Agenzia nazionale dei beni sequestrati e confiscati, emerge che sarebbero solamente 17 le imprese "assegnate in gestione" ad un amministratore giudiziario
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’altro ieri la Camera ha approvato il testo della riforma del codice antimafia, che ora passerà al Senato, con al centro norme più efficaci ed è “in passaggio più che necessario anche per la nostra realtà emiliano-romagnola”, evidenzia da Modena la Cgil. Il sindacato si arma di numeri e ricorda che “l’accumulo crescente” dei beni sequestrati o confiscati, poi, difficilmente trova sbocco nelle gestioni sociali.

Il responsabile regionale alla legalità del sindacato, Franco Zavatti, segnala in particolare “l’ampiezza allarmante” dei dati da agosto 2014 ad agosto 2015 per l’Emilia-Romagna. I beni sequestrati risultano 696, quelli confiscati 355: un risultato da quarto posto in Italia. Solo nell’ultimo anno, dunque, sono “ben 1.051 i patrimoni sequestrati o confiscati nelle nostre province, per un valore di centinaia di milioni, ai quali vanno aggiunte le parecchie decine di sequestri legati ad Aemilia, oltre che i numeri degli anni precedenti”.

Zavatti parla di “numeri allarmanti a quattro cifre, che rivelano un allarme che da tempo segnaliamo: tempi troppo lunghi e modalità complesse tra il sequestro dei beni, la confisca definitiva, l’utilizzo pubblico e sociale di quei patrimoni sottratti alle mafie, anche qui da noi”. Non solo. Dai dati avuti in questi giorni dall’Agenzia nazionale dei beni sequestrati e confiscati, emerge che sarebbero solamente 17 le imprese “assegnate in gestione” ad un amministratore giudiziario. Ecco l’elenco fornito dalla Cgil: cinque imprese si trovano in provincia di Bologna, prevalentemente srl del settore immobiliare ed una spa di servizi finanziari (Mipa-Fox T; Immobiliare Svil; Immobil.Adriatica; Sas It, “tutte attualmente inattive”); quattro imprese in provincia di Rimini, tutte srl dei settori alberghiero, servizi, immobiliare (Vesuvio; Gebar; la Greppia; C Immobil; “solamente una è dichiarata attiva”).

Completano il quadro tre imprese a Modena (Fast Service coop; Edil Più srl; Ft Capital srl: “stranamente la tabella dell’agenzia nazionale nulla specifica in merito alla attività in corso, ma ci risultano inattive”, continua Zavatti) e due a Forlì, a loro volta “inattive”: Sor-Nova srl; Sornova srl. Le restanti tre srl sono fra Ferrara, Parma e Ravenna, “senza specificare la eventuale continuità lavorativa”. Tira le somme la Cgil: “Tutto qui, numeri striminziti e panorama sconfortante”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»