Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ghirlanda (Andi): “Pnrr largamente incompleto, è mancato il confronto”

Carlo_Ghirlanda
L'intervista al presidente nazionale ANDI, in occasione del 53esimo Congresso nazionale del sindacato Sumai Assoprof
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il Pnrr è un piano che noi riteniamo in questo momento largamente incompleto e sul quale riteniamo che sia mancato il confronto per quanto riguarda prima la parte organizzativa e poi la messa in opera concreta, coinvolgendo definitivamente in questo percorso però le professionalità mediche, le competenze mediche, le esperienze fatte anche in questo periodo di Covid, per migliorare e aumentare anche le possibilità di assistenza sul territorio, in un concetto di medicina di prossimità, che non si può non sviluppare anche aumentando il professionalismo, le competenze e contemporaneamente affrontando anche tutte le altre riforme, che sono necessarie e opportune perché la sanità sia in grado veramente di produrre salute a favore del cittadino”. Così Carlo Ghirlanda, presidente nazionale ANDI, intervistato dall’agenzia Dire in occasione del 53esimo Congresso nazionale del sindacato Sumai Assoprof, in corso a Roma presso lo Sheraton Parco de’ Medici Rome Hotel.

LEGGI ANCHE: Magi (Sumai): “Ecco le soluzioni alla mancanza di specialisti”

Sileri: “Tamponi gratuiti? Si può pensare per alcune fasce precise”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»