Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

In Basilicata con il Pnrr 7 milioni per profili tecnici e gestionali, Bardi ai giovani: “Candidatevi, è una grade opportunità”

Si tratta soprattutto di figure che si dovranno occupare di valutazioni e autorizzazioni di impatto ambientale, vas, bonifiche, rinnovabili, rifiuti, edilizia e urbanistica, appalti, acquisti di forniture e servizi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – La Basilicata ha a disposizione 7 milioni e 262mila euro per i profili tecnici e gestionali necessari alla realizzazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr). Si tratta soprattutto di figure tecniche e scientifiche, che si dovranno occupare di valutazioni e autorizzazioni di impatto ambientale, vas, bonifiche, rinnovabili, rifiuti, edilizia e urbanistica, appalti, acquisti di forniture e servizi. Questo tipo di esperti saranno mille in tutta Italia.

Entro il 25 ottobre, le Regioni e le province autonome, sentiti gli enti locali, dovranno definire in via preliminare i fabbisogni in termini di profili professionali che dovranno essere assunti entro il 31 dicembre con contratti di 36 mesi, che assicureranno – ex lege – anche una riserva di posti nelle prossime procedure concorsuali dei vari enti. “Si tratta di una grande opportunità per tutti i lucani sia per lavorare presso la Regione Basilicata, le Province e i Comuni lucani, sia in enti fuori Regione – afferma il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi – Si tratta, solo per la nostra Basilicata, di varie decine di figure tecniche che oggi mancano nella pubblica amministrazione e che sono fondamentali in vista del Pnrr”.

L’appello di Bardi ai giovani lucani è di candidarsi quanto prima sul sito www.inpa.gov.it/. “La Regione Basilicata e gli enti territoriali – conclude – hanno bisogno di nuove energie, di nuove competenze e di facce nuove per vincere la sfida del futuro. Questo innovativo strumento di reclutamento, previsto dal ministro Renato Brunetta, va nella direzione giusta”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»