Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Massimiliano Allegri e Ambra Angiolini si sono lasciati. La figlia di lei: “L’ha tradita”

massimiliano allegri ambra angiolini
Il settimanale 'Chi' rivela la fine della storia tra l'allenatore della Juventus e l'attrice dopo quattro anni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – È finita la storia d’amore tra Massimiliano Allegri e Ambra Angiolini. A scriverlo è il settimanale ‘Chi’, secondo cui la relazione tra l’allenatore della Juventus e l’attrice è giunta ai titoli di coda dopo quattro anni e nonostante i tentativi della donna di tenere unita la coppia, nonostante la crisi andasse avanti da mesi. Alla base della rottura ci sarebbe un tradimento da parte del tecnico bianconero. Una versione che trova conferma nelle parole di Jolanda Renga, figlia di Ambra Angiolini e del suo ex compagno, il cantante Francesco Renga. Sul suo profilo Instagram, Jolanda ha preso le parti della madre dopo l’incursione dell’inviato di ‘Striscia la notizia’ Valerio Staffelli, che l’ha raggiunta a Milano per consegnarle il Tapiro d’oro per la fine della storia con Allegri.

“Oggi la mia mamma ha ricevuto un Tapiro in seguito alla pubblicazione di vari articoli sulla fine della sua relazione, ma il motivo non mi è chiaro – scrive la figlia di Ambra Angiolini -. So bene che, in quanto personaggio pubblico, secondo alcuni è giusto che la sua vita, anche quella privata, venga sbandierata ai quattro venti, ma è davvero necessario infierire? Perché venire da lei a Milano? Perché non andare a Torino? Perché si è fidata della persona con cui stava e con cui ha condiviso quattro anni della sua vita?! Ed anche se, questa persona, alla fine si è rivelata diversa, la colpa è di chi si fida o di chi tradisce la fiducia e tradisce in ogni senso possibile? Cosa c’è di riprovevole o ‘perdente’ nel fidarsi e nell’amare? – prosegue Jolanda Renga – Quando si gioca, si sta al gioco, sono d’accordo, ma questo non mi sembra il caso. E ditemi quello che volete, che sono pesante, che non so scherzare, che faccio questioni su problemi inesistenti, che i problemi veri sono altri, ma a me non fa ridere. La sofferenza delle altre persone non mi diverte. E sì, mi sento di dirlo perché c’è di mezzo la mia mamma, ma lo penso a prescindere”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»