Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Convalidati gli arresti per gli aggressori di Vittorio Brumotti

brumotti aggredito a Foggia
L'inviato dI "Striscia la notizia" a San Severo (Foggia) lo scorso 5 ottobre è stato colpito mentre registrava un servizio sullo spaccio di droga nel quartiere San Bernardino
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – Sono stati convalidati gli arresti di Giovanni Russi di 28 anni e di Roberto Antonio De Cesare, 30enne, considerati gli autori dell’aggressione ai danni di Vittorio Brumotti, l’inviato del tg satirico “Striscia la notizia” che a San Severo (Foggia) lo scorso 5 ottobre è stato colpito da un pugno in pieno volto mentre stava registrando un servizio sullo spaccio di droga nel quartiere San Bernardino. Il 28enne è ai domiciliari mentre De Cesare si trova in carcere. Secondo quanto emerso dalle indagini condotte dagli uomini della squadra Mobile di Foggia, Russi sarebbe evaso dai domiciliari quando è sceso in strada per impedire che Brumotti completasse il suo lavoro.

L’uomo è accusato di lesioni personali aggravate ai danni di alcuni operatori di polizia intervenuti per riportare la calma. Gli investigatori continueranno a indagare per definire meglio i contorni dell’accaduto e individuare altre persone che potrebbero aver partecipato all’aggressione.

LEGGI ANCHE: Brumotti colpito da un pugno mentre girava a Foggia un servizio per ‘Striscia la notizia’, arrestati i due aggressori

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»